giovedì 20 dicembre 2012

QI negativo

Mi ricollego al post precedente per spiegare meglio la frase " CollegaRomagnolo non perde occasione per inserirsi a sproposito e disturbare ".
Sto affiancando stRagy e spiegandogli delle cose piuttosto complicate.

V: " ... Poi estrai questi dati e li incroci. Se è True metti 1 "
S, scrivendo: " Se è True 1, se False 0 "
V: " Chi l'ha mai detto? True 1, se False metti False "
S:" Non zero? "
V: " False "
S: " Però si ottiene una colonna con dati non omogenei "
V: " Yup, ed anche orrenda da vedere "
S: " Ma così è stupido "
V: " Lo sto dicendo da un anno, ma non sei finito di certo al MENSA "
CR: “ V che fai a capodanno? “
V: “ Ma… E’ il 14 novembre! Che quarzo ne so “
CR: “ Andrai in vacanza? “
V: “ ??? Quattordici! Novembre! “
CR: “ Si hai ragione, è una domanda del cazzo “

30 secondi neanche
CR: “ V, ma lo sai che al fantacalcio di $Paesucolo sono primo? “
V: “ Non lo sapevo, ed ora che lo so non me ne frega niente “
CR: " E' importante! "
V: " Starei lavorando "

Conto: 1, 2, 3, 4
CR: “ Oh V, adesso c’ho la morosa “
V: “ Non riproducetevi “
CR: “ Te ne ho anche parlato! “
V: “ Dubito. O comunque non ascoltavo “
CR: “ Si si, il catamarano
V: “ Mi fa male il cervello!

A fine giornata…
CR: “ Sei poi riuscito a far incontrare la tua amica con $CollegaCarino? “
V: “ No. Si è fidanzata “
CR: “ $CollegaCarino ha la donna? “
V: “ FidanzatA! A! FEMMINA! L’ITALIANO! “
CR: “ Ho fatto una domanda del cazzo “
V: “ Questa l’ho già sentia. Purtoppo. E ben più di una “

Leggerò questo post che sarò lontano da quel demente.
E’ l’unica cosa che mi trattiene da mettergli un braccio in gola e strappargli il cuore.

lunedì 17 dicembre 2012

Lo stRagista /3

Tra bassi e bassi, prosegue l'indottrinamento di stRagy.

Il lunedì sera gli portano il PC mentre sto andando via.
Torno il giorno dopo e, prima di riprendere, comincio ad inviargli dati essenziali via mail.
Peccato che lui nella rubrica aziendale non appaia.
Alla faccia del " tutto configurato ".

Arriva e gli chiedo conferma della mail.
S: " Boh? "
V: " Come boh? Non hai configurato la posta? "
S: " No. Non accedo al PC "
V: " Tu non... "
S: " Mi dice password scaduta "
V: " Te l'hanno data ieri "
S: " Scaduta "
V: " L'hai segnalato? "
S: " Pensavo che si sarebbe risolto da solo "

Oh Hastur, perché mi fai questo?
Inutile sforzarsi: chiamo B e lo ragguaglio.
Chiaramente dopo aver riscontrato che:
1) Il messaggio sia effettivamente quello
2) La pwd venga inserita correttamente [ l'ho scritta io ]
3) Il messaggio sia identico a prescindere dalla pwd messa
Il che mi fa pensare che non sia la pwd scaduta quanto l'utenza.
Ma non cambia, all'atto pratico.

Nell'attesa che B svolga il suo dovere di capo responsabile, continuo il passaggio di consegne a stRagy.
Si rivela essere un'impresa prima ardua, poi titanica.
V: " Apri il file Mele, poi incroci il campo Fuji con il file Arance "
S: " Perché? "
V: " Per verificare se hanno messo mele fuji tra le arance "
S: " Perché lo fanno? "
V: " Per errore, stRagy. O perché non sanno leggere "
S: " Perché non lo correggono, allora? "
V: " Cuciti la bocca marmocchio maledetto "

Ripetere la scena sopra per ogni passaggio.
Considerando che alcune mie attività hanno centinaia di passaggi...!

Continuo a dettargli cose senza avere la possibilità di fargliele provare.
Diventa rapidamente inutile proseguire.
L'accesso al sistema, finalmente, avviene di mercoledì dopo pranzo.
Due giorni e mezzo nel cesso.
Nel frattempo, CollegaRomagnolo non perde occasione per inserirsi a sproposito e disturbare.
Che già non sono in difficoltà, eh.
Tante minacce sono state sprecate.

Finalmente posso mandargli le mail con file di lavorazione + comodi HowTo per metterlo a fare i compiti!
Tre minuti dopo sto ancora cercandolo nella rubrica.
V: " Allora, stRagy.Sta... Ma perché non esce? La tua login non è $LoginStragy? "
S: " Esatto "
V: " Non ti trovo in nessun modo conosciuto. Mandami una mail tu "
S: " Non posso "
V: " WTF? "
S: " Non mi fa entrare nella mail. Dice login non valida "
V: " E me lo dici adesso? "
S: " Non credevo fosse correlato. Vedi, nei sistemi ingegneristici... "
V: " Taci o ti ammazzo. Poi ti risorgo e ti uccido di nuovo! "

[ No, no, non finisce qui. Magari! Continua ]

giovedì 13 dicembre 2012

Lo stRagista /2

Habemus stRagista!
12/11/2012
Verso le 10 arriva stRagista.
Altezza media, allampanato, occhiali, capelli a casa.
Neolaureato 28enne in ingegneria gestionale.
E si presenta in perfetto stile evangelista, col sorriso e un libro sottobraccio.
Quattro convenevoli poi è il caso di cominciare a lavorare.
Come tutti gli animaletti riceve un nome: ora è ufficialmente stRagy.
No, non scherzo. Lo chiamo così e lo fanno anche gli altri.

Guardo la sua scrivania completamente vuota.
V: " Quando arriverà il suo PC? "
Boss: " A minuti, credo "
V: " Già configurato? Applicativi installati? Utenze create? "
B: " Si "
V: " ... "
B: " Credo "

Passa mezz'ora e non si vede un tubo.
Io ho da finire delle cose e gli appioppo un pacco di powerpoint stampati da chissà chi.
Lui li accoglie gioioso come un beagle sul Ciappi [ cit ].
Arriva l'ora di pranzo, lo portiamo con noi al guinzaglio, torniamo.
Scrivania sempre sgombra.
Acchiappo il telefono.
V: " B, reperisci info o dimmi chi chiamare "
B: " Ci penso io "

Passa un'ora, io intanto sto cominciando ad indottrinare stRagy su cosa non funzioni qui dentro.
Aka " tutto ".
Entra B tutto trionfante.
B: " Allora? Come va? "
V: " Che lui perde fiducia ogni secondo che passa ed è ancora senza un PC "
B: " Ah, si si, li ho sentiti "
V: " Quindi? "
B: " Arriverà domattina "
V: " Domattina "
B: " Domattina "
V: " Hai presente che il nostro lavoro è assolutamente infattibile senza un PC? "
B: " Domattina "
V: " WTF "

Altri powerpoint stampati, stRagy si esalta a leggere bilancio + report avanzati + piano operativo.
E lo commenta con gusto.
E chiede delucidazioni.
S: " Questo dato qui... "
V: " ? "
S: " Dice che è il 16% di $Sarquarzo "
V: " Se i numeri dicono quello... "
S: " Ma il mio manuale indica che i valori superiori al 12% sono gravi e si deve intervenire "
V: " Fatti i quarzi tuoi "
S: " Dove posso trovare i dati sorgente? "
V: " In rete. Ma non hai un PC ed avrai altro da fare "
S: " Potresti tirarli fuori che li vediamo? "
V: " No. Non mi interessano, e comunque sono falsi "
S: " Come falsi? "
V: " Finti. Manipolati. Corretti. Adulterati. Scegli un termine ed usalo "
S: " Ma il mio manuale... "
V: " Il tuo manuale sta per andare a fuoco se non la pianti "

lunedì 10 dicembre 2012

Lo stRagista /1

Si.
Lo so.
Il termine è già stato utilizzato da Bitmover.
Potete scegliere una risposta tra:
1) " Si, si caro pretoriano, mi interessa il tuo parere in merito! "
2) Sosumi
3) Questo potrebbe aiutare

Per farla breve, lascerò l'azienda a fine novembre.
La data mi è stata imposta a seguito di una negoziazione a luglio.
La ragione è che, avendo io in mano una marea di cose legate al core business, serviva tempo per formare nel modo adeguato il sostituto.
Ragionamento corretto, quindi non ho contestato.

Chiaramente a luglio ancora dovevano cominciare a valutare i profili, agosto neanche lo contiamo ed arriviamo a settembre.
V: " Boss, sto insegnando le mie attività ad un bonsai. Quando arriva il sostituto? "
B: " Aspetto lumi dalle $RisorseDisumane "
V: " ... Tipo? "
B: " Tipo che mi caghino "

Ottobre
V: " Boss, hai presente che tra due mesi sarò a bermi una cioccolata calda a casa mia?"
B: " Stiamo facendo i colloqui "
V: " Avete già sentito uno di quelli che vi ho caldamente consigliato? "
B: " No. Abbiamo deciso di puntare su un neolaureato "
V: " Ricordo male, o in questa azienda non c'è un'assunzione da tre anni? Dove sperate di trovarlo? "
B: " In università "
V: " OK. Abbocco. Cosa intendi? "
B: " Prendiamo uno stagista "
V: " Ma scherzi? Avete presente che, da contratto, ha tempo di preavviso = zero? Può alzarsi ed andarsene in qualunque momento! "
B, masticando amaro: " Abbiamo deciso così per questioni di budget "
V: " Almeno l'offerta economica è decente? "
B: " Circa un_tozzo_di_pane_secco_con_polvere € "
V: " E' la fine "

Chiaramente, data la crisi un neolaureato è disposto a prostituirsi pur di avere un impiego.
Tra i disperati, ne scelgono uno.
B: " Dovrebbe arrivare a breve "
V: " Quantifica, perché ho sempre meno tempo! "
B: " Alla fine di ottobre "
V: " ... ... ... Quattro mesi buttati "

Fine ottobre.
V: " B, qui abbiamo una scrivania vuota da riempire "
B: " Per questioni di fiscalità, $RisorseDisumane ha scelto di farlo cominciare a inizio novembre "
V: " Posso chiamarli e parlarci? "
B: " No "

Giunse il 05/11/2012
V: " Dov'è il mio stRagista? "
B: " Si, l'abbiamo preso "
V: " Ve lo stanno spedendo dall'Australia in zattera? Io ho un milione di cose da passargli! "
B: " Guarda, non dipende da me. Ma $RisorseDisumane ha brematurato la supercazzola e l'occhiello non riguda fino alla prossima varetta "
V: " Ho un fottuto arsenale "
B: " Comincerà il 12 "
V: " No. Scherzi. Tu scherzi. Vero che scherzi? "
B: qualcosa a denti stretti sulla madre di quacuno non presente
V: " Mi limito a ricordarti che il mio accordo plurifirmato prevede la mia uscita imprescindibile e improrogabile a fine mese "
B: altra sequenza di invocazioni, stavolta credo di essere stato incluso

lunedì 3 dicembre 2012

Valeren abroad - Klingon /4

" Di come i Klingon mi truffarono "

Io non sono una persona facilmente manipolabile.
Non mi interessa cosa tu mi voglia vendere, se lo reputo inutile o superfluo non lo compro.
Allo stesso modo, non cascherò mai nei vari " pacchetti caduti dai camion " che quando li apri trovi i mattoni.
No.
Eppure mi hanno raggirato in modo encomiabile.

Klingon è famosa per tante cose, tra cui per una creatura mostruosa e per il popolo che la creò.
Questo popolo, che viveva in realtà in tutta Europa e medio oriente in modo frammentato, fu sempre oggetto di persecuzione.
Nella storia recente in modo particolare.
Adesso rimane solo una parte della loro area abitativa, con qualche palazzo ed ex luoghi di culto / sepoltura.
E' impossibile andare a Klingon e non visitarla!

Metropolitana, prendiamo l'uscita giusta e non c'è un dannato cartello che dica da che parte andare.
Mappa e Galaxy mi vengono incontro, due vie dopo siamo davanti ad uno dei luoghi di culto da cui poi si accede al cimitero.
Guardiamo un manifesto e ci rendiamo conto di essere a metà del percorso.
Beh, non che sia uno spettacolo teatrale... Possiamo partire da ogni punto e qui fanno i biglietti.
Passo al tariffario.
V: " Allora... Sono 300 Klingon a testa per il sito completo, più altre 180 se vogliamo vedere il $Luogo_di_culto_SuperDuper "
AM: " Sembra tanto... "
V: " Vero. Ma non torneremo così presto da queste parti "
Calcolo rapido per il cambio: 100 Klingon fanno 4 euro, quindi 12 euro di base più 7-8 per il SuperDuper.
A testa.
E' dannatamente tanto, per il solo accesso!
Io ho in tasca 1000 Klingon cash e la mia fida carta di credito che si annoia.
Vado in cassa.
V: " Two tickets. Full. "
VecchiaCassieraKlingon: " Srpsh "
V: " The what? "
VCK: " Knglfn "
Mi indica il display, 960 Klingon
V: " Can I pay by card? "
VCK: " No card! No card!!! "
VB: Cuccia nonna, non sono il demonio...
Mollo il cash e ritiro gli spiccioli di resto.
Addio soldi per le audioguide - ed in retrospettiva, è stato un bene.
Mi rendo conto di non aver pagato l'obolo di altri 100 Klingon [ 4 euro ] per fare foto.
No big deal, io di foto non ne faccio mai.
AM d'altra parte... Fortuna che non sta studiandosi le reflex!

Primo ex luogo di culto, totalmente bianco con le pareti completamente ricoperte con i nomi dei morti dell'ultima persecuzione.
Dal pavimento al soffitto: cognome, nome, data di nascita, data di morte.
Non si contano e l'archiviazione non è ancora finita.

Al piano di sopra, una raccolta di disegni di bambini nel periodo della guerra e delle deportazioni.
Non aspettatevi chissà che: non tanto perché io abbia i sentimenti di un sasso, ma perchè dai disegni di un bambino di tre anni traspare poco o nulla.
C'era qualcosa di più intenso prodotto da bambini di un'età maggiore, ma onestamente sarebbero stati identici se disegnati da un pre-adolescente attuale con disagi familiari.
Potevano - anzi, avrebbero potuto - emozionare solo ed esclusivamente in quel contesto.
Liberissimi di non approvare, eh.
Ma un qualunque 8-9enne con genitori in crisi avrebbe fatto disegni analoghi.

Usciti da lì ci aspetta il celeberrimo cimitero.
E la prima cosa che ci accoglie è un cartello con la dicitura " Chiuso per lavori ".
Di grazia, che lavori devi fare in un cimitero?
Passiamo da un altro accesso ed entriamo in un'area di poche decine di metri quadrati completamente piena di lapidi.
All'inverosimile.
Il punto è semplice: non avevano l'autorizzazione per seppellire i morti fuori da lì, quindi man mano ricoprivano di terra i precedenti tumuli e ricominciavano.

[Didascalia corretta: questa foto non l'ha fatta AM, davvero, lei è onesta ]

Troviamo la tomba del creatore della famosa creatura, con tanto di targhetta lungo il percorso.
Da lontano scorgo una 50enne molto sovrappeso partire in corsa ed arrivare sbuffando fino alla tomba.
Poi la tocca, mormora, mette sopra dei soldi e si ferma a pregare per un paio di minuti.
Trascorsi i quali fa per andarsene, ma si ferma qualche secondo a leggere la targa per assicurarsi di aver pregato sulla tomba corretta.
Dopo aver supplicato un morto, verifichi che sia quello giusto.
E se non lo fosse stato?
La religione, qualunque essa sia, fa malissimo.

Fuori da lì AM si sfoga facendo un paio di foto dalla strada al grido di " Questo non me lo potete far pagare! ".
Passiamo al sito successivo ed è un altro ex luogo di culto convertito a museo.
Ma cazz... Quanti ne avevate? Uno ogni 10 metri?
Entriamo e la tipa che deve controllare i biglietti è presissima dalla sua enigmistica Klingon.
All'interno tanta roba inutile.
Scudi Klingon per coprire i libri, puntatori Klingon per puntare i testi, stole Klingon per appoggiare i libri.
Vediamo... Ho lo scudo Klingon, il puntatore Klingon ed il mantello Klingon.
Se trovo l'elmo Klingon e gli stivali Klingon divento il Super guerriero Klingon!
Stranamente no, non funziona così. Io ci avrei giurato.

Finiamo il tour di questo posto inutile con la ricostruzione di una cucina / sala da pranzo tipica.
Indovinate un po?
Come potrebbe essere una cucina / sala da pranzo degli anni 40?
Forse come una che abbiamo visto milioni di volte a casa di zie / nonne / film degli arcinoti anni 40?
Unica cosa carina, i portaspezie d'argento in fogge assurde - navi, elefanti, qualunque cosa.
Ma si tratta sempre di oggetti del tardo 1800 - inizio 1900.

Esco da lì cominciando a sentire una velata aria di fregatura, quindi decidiamo di puntare verso il luogo di culto SuperDuper.
La Lonely dice che solitamente è strapieno di gente in coda.
Forse perché non siamo in altissima stagione, forse perché le comitive stanno ancora facendo colazione, ma entriamo senza alcuna attesa.
Noto che in QUELLA biglietteria, e solo in QUELLA, accettano carte di credito.
Un po' di bile travasa.

Entriamo e l'edificio è sotto il piano stradale.
Ed è l'unica cosa interessante.
Per il resto è una stanza più alta che larga, con sedie e panche di legno, totalmente bianca.
A parte un drappo a coprire un tabernacolo.
No, aspetta, io ho pagato otto euro per entrare in un magazzino del formaggio?
Per dire, in loco distribuivano un opuscolo come guida.
E per metà si riferiva ad un altro luogo di culto.
Più un paio di pagine per la mappa.

Prima di essere tacciato di qualcosa che non sono, rileggete qui grazie.
Io i luoghi di culto ed i musei li visito con bramosia, li studio.
Lì c'era solo da mettere due brande e dei punkabbestia.
Ho visto stazioni ferroviarie di periferia con più storia.

Rattristati usciamo dal tugurio, mentre sento sul mio collo lo sguardo della vecchia Klingon che sicuramente starà pensando " Tu turista idiota che paga per vedere dove noi mettere pattume a fine giorno! ".
V: " Ce ne andiamo e basta, o proviamo a vedere l'altro edificio di culto dismesso? "
AM: " Ormai siamo qui... "
V: " Nessuno ci obbliga "
AM: " Leggiamo cosa dice la Lonely "
V: " Due colonne sulla magnificenza della struttura interna ed esterna, con supercazzola sugli arredi "
AM: " Interessante! Allora andiamo! "
V: " Io ho letto la descrizione di quella da cui siamo usciti "
Poi la Lonely è stata immolata in un pentacolo tracciato con sangue di gallo nero.

Raggiungiamo l'ennesimo luogo di preghiera e quantomeno è bello.
Dentro è molto decorato, tutto ricoperto di legno con motivi dorati.
Niente da dire: bello.
Ora svolge funzione di museo, quindi ci giriamo anche le bacheche.
Tutte.
E il mio fegato esplode con un sonoro " Non pigliatemi per il culo! "

Vedrò di essere lineare, OK?
Siamo italiani.
O quantomeno, in Italia.
Abbiamo tutti tra i 15 ed i 100, occhio e croce.
Quindi sappiamo tutti cosa sia successo dagli anni 30 al 45.
Vero? Si dai, altrimenti vi revoco la licenza da pretoriani.
Abbiamo visto il film sulla lista almeno una volta.
A differenza dei crucchi, non nascondiamo il periodo storico.
C'è stato. E' stato un massacro difficile da concepire in numeri, quando sono così alti.
Non siamo americani, li hanno deportati anche da qui! Da noi!
Noi. Lo. Sappiamo.
E non dimentichiamo.

Però tu sei un museo, ed il tuo compitò è divulgare la Conoscenza.
E' il tuo solo, unico, maledetto, sacrosanto dovere.
Se io visito un luogo di culto di un popolo epurato, voglio trovare informazioni.
Non libri contabili!
Non foto di chi scrisse i libri contabili!
Non altri 100 cazzo di puntatori!
Chi vi ha deportato? Dove? Perché?
Cosa successe?
Questo dovete dire a quei cazzo di mangia hamburger che non sanno una fava di storia a parte l'ordine dei loro presidenti!
Invece no, oh no non sia mai!
Raccolte e raccolte di libri contabili, liste di soldi, dare & avere, manuali di contabilità.
Ma lo stereotipo ve lo siete costruito voi?
Vi divertite ad alimentarlo?
E' per quello che l'ingresso l'avete voluto pagato cash?
E' sempre per quello che mi avete derubato per vedere un magazzino per le merci?
Vi piace farvi odiare turlupinando la gente e parlando solo ed esclusivamente di denaro?

Esco dall'ultimo luogo di culto arrabbiato come quando leggo le news politiche in italia.
Io non so come cazzo abbiate fatto, davvero.
Perché io odio tutti ma nello stesso modo.
Siete riusciti a trasformare un visitatore in un razzista.
Avete trasformato ME in un razzista! Ma dai!
COME CAZZO AVETE FATTO?

[ Photos by AM ]

giovedì 29 novembre 2012

Valeren abroad - Klingon /3

Non credo ci sia bisogno di fare una cronistoria.
Giorno 1 visto questo, giorno 2 fatto quell'altro...
Infatti parto dal capitolo 3.

Ogni giorno vedeva lo stesso avvio.
Semplicemente sveglia presto, colazione in albergo, quattro chiacchere con un finlandese che arrivava un'ora prima della moglie e via per la città.

Il meteo Klingon prevede cielo 100% coperto e bassissima possibilità di precipitazioni.
Temperatura 6-11 °C
Rimarrà esattamente così per tutto il soggiorno, esclusa l'ultima sera dove vedremo qualche cm² di cielo.

Anyway, primo giorno = tappa principale come ogni bravo turista.
Ah Klingon, il tuo sontuoso castello!
Che non è un castello.
Cioè si, c'è il mini castello vecchio ed è adibito a museo.
Quello nuovo è un enorme palazzo con tante mura intorno.
All'interno delle mura, una cattedrale davvero bella.
Giriamo tutto ma proprio tutto, compresa la parte esterna con parco e palazzi circondariali.
Va via l'intera giornata solo per quello: non a caso il biglietto per il castello dura due giorni!

Trivia: chi ci abita, nel castello?
Il presidente della repubblica di Klingon ovviamente!
Poi ci stupiamo che, per gli statunitensi, l'Europa sia costellata di monarchie.

Divorati dalla fame ci fermiamo in uno dei ristorantini a due metri dalla cattedrale.
C'era scritto " trappola per turisti " grande come una ruota panoramica, ma non c'era altro a distanza di qualche chilometro.
E non è una battuta. è letterale.
Ci nutriamo di torta e cioccolata calda, chiedono un mio rene e riprendiamo il tour.
Osserviamo anche la pinacoteca, compresa nel biglietto, e finalmente abbiamo finito.
Esausti.
Con mezz'ora di anticipo sulla chiusura del tutto.
Dai giapponesi, dai, provateci voi!
E malgrado un'audioguida che aveva la verve del mio amministratore di condominio quando rilegge il verbale.

Poiché la prima sera avevamo mangiato maluccio ed avevo fatto fuori buona parte della valuta Klingon grazie al ristoratore che non mi aveva accettato la carta di credito, decidiamo di cambiare zona e puntiamo un altro ristorante.
PRO TIP: se avete uno smartphone, scaricatevi l'app offline di Tripadvisor.
Li ringrazio pubblicamente. Potrebbe essere fatta meglio ma si è rivelata indispensabile.

Se avete letto sopra, avrete notato " divorati ".
Ed una fetta di torta, beh, non è che cambi molto la cosa.
Arriviamo al ristorante e mi informo sulla carta di credito: la prendono.
E noi ci accomodiamo.
Sul menu tante belle cose buone che si sono rivelate deliziose.
Ed abbondanti.
Quanto abbondanti?
Beh, Am ha ordinato mezza anatra arrosto.
Mezza. Anatra.
Accompagnata da due diversi tipi di... Gnocchi? Pankakes? Un incrocio.
Era tanta roba ed alla fine sono rimasti cinque, sei ossicini.
Puliti puliti che neanche una smerigliatrice.

Il mio piatto non era da meno, con doverosi antipasti & birra & vino & caffé.
In totale, circa 25 euro.
Klingon sta riguadagnando punti.
Ed il cibo non è come raccontava la Lonely.
In effetti, quasi nulla è come racconta la Lonely...

Riprendo la guida e la rileggo.
Due autori, inglesi, quindi salto in pieno ogni consiglio sul cibo perché cosa vuoi che ne sappiano?
Uno degli autori si è trasferito a Klingon da un decennio, e nel frattempo ha scritto una Lonely per una nazione che con Klingon nemmeno confina.
Si, ecco, questo spiega molte cose.

Purtroppo i danni si propagheranno anche nei giorni successivi...

lunedì 26 novembre 2012

Valeren abroad - Klingon /2

aka " Sulla disquisizione della cultura e dell'essenza Klingon "

I Klingon ricevono parecchi visitatori, ma non è che li adorino poi tanto.
Parlano poco le lingue franche e cercano di capire da dove vieni per darti il menu corretto.
OK. Apprezzo lo sforzo.
Ma se mi dai un menu in tedesco sei imbecille.

I Klingon hanno le metropolitane come a Milano, ma l'ordine dei colori è sbagliato - mandandomi in completa confusione al momento di cambiare linea.

I Klingon non hanno le vocali.
Se le hanno, le odiano. E le storpiano in consonanti.
Poi le mescolano.
Voi non ci riuscite? Loro si.

I Klingon sono quasi sempre magri, raramente sovrappeso.
Questo si spiega con i loro semafori che durano al massimo 4 secondi.
Corri o muori.
Specialmente quando, per legge, i tram hanno precedenza sui pedoni.
I Klingon vecchi sono rari.

I maschi Klingon hanno tutti e ripeto tutti la faccia da delinquente.
Delinquente alcolizzato.
Delinquente alcolizzato tagliagole.
Ne avessimo visto uno, in quattro giorni, che non sembrasse voler tirare fuori il coltello.
Stranamente i maschi Klingon mettono al mondo figlie incantevoli.
DNA misterioso...!

Le femmine Klingon, vedi sopra, sono spesso belle o stupende.
Pelle diafana, chiome bionde o rosse.
Gli occhi azzurri si sprecano. Abbondano.
Ma sono piatte o quasi.
Giusto per dimostrare che non esiste alcuna divinità colma d'amore.

I Klingon sono fieri della loro birra, ma se io ne riesco a bere un litro a cena più un altro mezzo a merenda significa che è acqua.
Almeno la birra Klingon costa poco - fuori dal centro, circa un euro e mezzo a boccale.
Disseta.

I Klingon mangiano piatti strani.
Respiro del becchino Andrea, frecce scagliate da Pietro eccetera.
Diciamo che non lesinano su aglio, cipolle e peperoni.
Ma nel totale non si mangia male.

I Klingon hanno imparato l'incantesimo del " Copia & Incolla ", e l'hanno utilizzato per costruire i loro palazzi.
Copia:

& Incolla

Neanche da dire che i due sono uno di fianco all'altro.
E non erano gli unici: l'intera Klingon è composta di palazzi-clone.

A Klingon, i Pony possono sposarsi ed hanno vestiti dedicati.
In loro assenza creano vestiti per Reyra.


Potrebbe sembrare che ci siano solo cose negative, a Klingon.
Invece no!
Qualcosa possiamo anche imparare da loro, malgrado tutto.

I treni / tram / metro Klingon sono in orario.
Ed arrivano a ritmo serrato.
Mai atteso più di un paio di minuti per la metro e 3-4 per il tram, anche fuori dagli orari di punta.
E senza fucilare i conducenti - quindi perché non funziona così anche da noi?
Eh? Eh?

I Klingon hanno scoperto che, per eliminare i politici corrotti, buttarli giù dalle finestre è un ottimo sistema.
Il che potrà far risparmiare un buon gruzzolo statale in proiettili.
E se si prepara prima un'ampia e profonda fossa, diventa anche più pratico.

I maschi Klingon portano le femmine al guinzaglio.
OK, questa l'ho vista una volta sola.
Ma una tradizione deve pur iniziare in qualche modo!

giovedì 22 novembre 2012

Valeren abroad - Klingon /1

Sarei dovuto andarci già tanti tanti anni fa.
Ma un disastro naturale fece ripiegare il gruppo su Barcellona.

Ottobre 2012
V: " Mi rimangono dei giorni di ferie prima di lasciare il carcere. Meglio farli "
AM: " Dove andiamo? "
V: " Dove ti pare. Ho la voglia sottozero, ma una settimana per USA o Jap non bastano di certo "
AM: " Parigi? "
V: " Senza di me "
AM: " Berlino! "
V: " Nein "
AM: " Klingon! "
V: " Uhm... Era una tappa da fare e saltò. Si può fare "

Fu così che AM cominciò a sotterrarmi con le solite tremila proposte tra volo, albergo eccetera.
Inviandone alcuni via Twitter, altri su Whatsapp, altri su due mail diverse.
Ah, l'ilarità...
Tanto che dovetti salvare tutto in Excel con prezzi, luoghi, link altrimenti vedevamo sei volte le stesse offerte.
Intanto preparo le mail da farle spedire con le richieste di disponibilità e costi.

Infatti...
V: " L'hotel 1 è bello ma lontano, il 3 sembra carino e centrale, 2/4/5 sono una truffa e 6 costa parecchio ma è centrale "
AM: " OK "
Pochi giorni dopo
AM: " Ho prenotato l'albergo! "
V: " Il 3? "
AM: " No, l'1. Avevo capito che ti fosse piaciuto quello "

Giorno della partenza: lunedì alle 10.30 parte il volo, quindi dobbiamo essere in aereoporto per le 9.
Quindi uscire alle 7 massimo.
E fare la strada del terrore.
Il mio navigatore rimane deciso sull'idea che no, anche se siamo fermi alle 7.15 del mattino la strada sarà sgombra & libera e noi arriveremo felici & contenti & pucciosi in aereoporto per le 8.15 massimo.
Io forse per quell'ora avrò imboccato l'autostrada.
Decido di uscire mooooolto prima e di andare un po' ad intuito, un po' a memoria.
Più intuito che altro.
Con un volo da prendere.
Avessi fatto la cazzata, sarei morto in macchina strangolato da AM con la cinghia dell'alternatore.
Ma sono il Dittatore, Infallibile per definizione e per volontà dell'universo e dell'Invisibile Unicorno Rosa!
Ed arriviamo in aereoporto in ampio anticipo.
[ Piccola parentesi sugli atei: vi siete resi conto che adorate questo vero? ]

Arriviamo, molliamo la valigia ed abbiamo parecchio tempo da passare.
Per varie ragioni di tempo e visite di parenti in quantità, non ci siamo informati molto su Klingon.
Anzi molto poco.
Ho scaricato qualche info e le app necessarie, ma effettivamente sappiamo quasi nulla e dovremo passarci quattro giorni.
Come per ogni angolo disperso nel cosmo c'è la Lonely Planet, ma online ne parlavano malissimo.
Alternative: nessuna.
Compro la Lonely di Klingon e comincio a studiare.

Bla bla bla nazione fiera e combattiva che però è sempre stata sconfitta.
Per rialzarsi con forza.
E prenderne ancora di più dal succesivo.
Er... Ma sto uscendo o entrando dall'Italia?

Mi studio la zona dove saremo e cerco di ricordare quanto avevo letto dieci anni prima, poi passo al cibo Klingon.
Mi accoglie la frase che " Il cibo klingon è molto pieno e saporito: quando criticano, i Klingon dicono che ' Non è grasso ' oppure che ' Non è salato ' ".
Oh gioia.
A casa mi sorbisco due geremiadi tante che la verdura fa bene, niente sale, oddio una goccia d'olio!
E finisco da " Ciccino il lurido ".
Si OK, ma entriamo nel dettaglio please.
Becchini?
Questi si mangiano becchini e frecce?

Cerco di mandare a memoria giusto due parole per sopravvivere, tipo " pollo ".
Un quarzo! Nemmeno capisco se si leggono da sinistra a destra!
E dove avete nascosto le vocali?

Finirò a mangiare gagh - crudo ovviamente, siamo a Klingon!

giovedì 15 novembre 2012

Schiavitù volontaria

Non so cosa si aspettino da me.
Dedizione totale?
Spirito di sacrificio?
Presenza costante?
Sarebbe anche fattibile, per il triplo dello stipendio.
Altrimenti vi beccate il mio orario standard, oltre ad una dose massiccia di menefreghismo.

8.20 del mattino, rientro dal caffé con i colleghi ed incrocio Dirigente [D ] nel corridoio.
D: " V hai letto la mia mail di ieri? "
V: " No. Ieri non c'ero ed hai certamente ricevuto la notifica "
D: " Si, ma te l'ho mandata tardi "
V: " Il mio concetto di ' attività notturne ' è diverso dal tuo "
D: " L'hai letta stamattina almeno? "
V: " Chiedilo al mio caffé "

Eh si, qui tutti leggono la mail costantemente.
PC, laptop, cellulare...
E scrivono.
E si rispondono.
Anche a notte fonda.
Lo so per certo perché sono stato coinvolto in alcune di queste conversazioni.
In una si sono fermati perchè attendevano una mia risposta. Alle due del mattino.
E mi è andata bene, un collega l'hanno chiamato a casa...



lunedì 12 novembre 2012

L'occhio di Sauron

Ieri ero in VPN.
Quindi comodo comodo da casa a gestire le poche cose da fare, dividendomi tra analisi puntuali e pulire a terra.

Oggi entro in ufficio e trovo nove chiamate non risposte.
Ma come nove?
Non ha squillato per un mese intero!
Scorro l'elenco dei rompic nomi e sono solo due persone.
Che hanno chiamato più volte.
Troppe volte.

Poi, come da tradizione, non hanno provato a chiamarmi sul cellofono aziendale e non ho uno straccio di mail.
Meh. Quando avrete voglia di dirmi cosa vi passava per il cervellino richiamerete.
Di sicuro non sarò io ad alzare la cornetta.

Passano due ore, alle 10 arriva la chiamata di uno dei due fenomeni [ F1 ].
V: " Cosa ti angustia, figliolo? "
F1: " V mi servirebbero i dati di luglio "
V: " Li ho pronti da inizio agosto quindi no prob, ma sono 80 mega. Dove li carico? "
F1: " Er... "
V: " Ti ricordi che dovevate far creare un folder nella rete interna? "
F1: " Certo "
V: " E che dovevate autorizzare me, $GruppoImportanti e $Sicurezza? "
F1: " Si "
V: " ... Quindi? "
F1: " Guarda, doveva farlo il mio capo ma dorme. Io dalla prossima settimana farò altro quindi non me ne sbatte nulla "
Almeno, onesto.
V: " Il mese scorso avevi condiviso una cartella sul tuo PC, rifallo e ti passo il file "
F1: " OK! Ti mando una mail con l'IP tra poco "

Passano due minuti, ricevo la mail col link.
Apro e dentro ho solo " Printers and Faxes ".
Qualcosa mi dice che ha mancato lo tsubo.
Mi chiama subito.
F1: " Caricato? "
V: " Dove??? Non hai aperto lo share "
F1: " Ma si che l'ho fatto "
V: " Vedo nulla, qui "
F1: " Lo so fare, eh. Prova a cambiare cartella "
V: " Directory. E non posso cambiarla perché non c'è niente "
F1: " Aspetta... "
Smandruppa, cambia, riprova: non esce niente.
Ripetere quanto sopra per 5 o 6 volte.
F1: " Si ci sono! Ti ho mandato l'IP sbagliato "
V: " ... Tu cosa? "
F1: " Eh, ho recuperato una vecchia mail ed era sbagliato. Non finisce in .xx ma .xx +1 "
V: " ... ... ... Hai presente che mi hai appena fatto entrare nel PC di qualcun altro? "
F1: " Che sarà mai, via. Non hai mica visto qualcosa "
V: " Per fortuna, maledizione! Se avessi trovato i Docs condivisi sarei entrato convinto che fosse il TUO PC "
F1: " Allora? "
V: " Allora gli accessi tra PC sono registrati porca zoccola! "

Morale, ho dovuto mandare una mail a $Sicurezza con in copia mezzo mondo - compreso F1 - per spiegare che mi era stato dato un indirizzo errato.
$Sicurezza non l'ha presa bene perché noi dobbiamo usare solo la intranet dove loro possono accertarsi di quello che avviene.
Anche se non lo fanno.
Anche se non lo capirebbero comunque.

Quando mi ha chiamato F2 potete immaginare il mio umore e quanto sia stata breve la chiamata...

giovedì 8 novembre 2012

Share the pain

Sempre, sempre, sempre CR.
Finirà che lo troveranno sotto un ponte, smembrato e con la lingua nel qulo.

Ho deciso, democraticamente, che non soffrirò da solo.
Tutti i miei colleghi nell'altro ufficio [ CAU ] dovranno condividere il mio dolore!
Sistema: ogni volta che CR dirà qualcosa di fastidioso, io farò uno squillo al loro interno.
Li ho informati della cosa e no - loro non possono scollegare il telefono.

Una misera manciata di secondi dopo...
CR: " Ieri sera sono uscito con un boiler "
V: DRIIIIIIIIIIIN
CR: " Oggi esco alle 16 che parto e torno in Romagna "
V: DRIIIIIIIIIIIN
CR: " Ma il capo non c'è? "
V: " Oggi no. Ha mandato una mail "
CR: " Nel pomeriggio rientra? Devo chiedergli se mi lascia uscire prima "
V: " ... Hai aperto quella fottuta mail? C'è scritto tutto! "
CR: " No, chiedo a te per quello "
V: DRIIIIIIIIIIIN
CR: " Sabato ho un addio al celibato, sarò stanchissimo ma devo andarci com... "
V: DRIIIIIIIIIIIN
CR: " Domenica mia madre farà le sue piadine! "
V: DRIIIIIIIIIIIN
CR: " Lunedì pensavo di partire molto presto, oppure tardi ed arrivare nel pomeriggio "
V: DRIIIIIIIIIIIN
CR: " Ti sto dando fastidio? "
V: " Sono mesi - e sai benissimo che non ti sopporto "
CR: " Ma io ho voglia di parlare! "
V: " Non me ne frega niente! Chiama $AltroCollega, chiama il Telefono Amico, ficcati un calzino in gola ma non parlare con me! "
CR: " Hai già visto Prometheus? "
V: DRIIIIIIIIIIIN
CAU: " V sei ancora tu? "
V: " Yes "
CAU: " Non può essere così fastidioso "
V: " Ve lo mando e fate un test? "
CAU: " Grazie no. Ora smettila "
V: " Ho scoperto che mi piace, condividere. Lenisce il dolore "
CAU: " ... "
CR, cantando: " LALALALALALALAAAAA "
V: " Sai la novità? Ora vi manderò anche una mail per ogni stronzata che dice "
CAU: " Ti prego... "

Nel caso non l'abbiate notato, si: ero al telefono con CAU parlando male di CR con lui a un metro.
Che rideva.
Perché se uno non è pirla non me lo mettono in stanza.

lunedì 5 novembre 2012

No toque

DISCLAIMER
Questo post contiene molti tecnicismi.
Nel caso non capiate qualcosa, le vostre alternative sono:
1) www.google.it
2) Chiedete a Bitmover o al Gama
3) Tirate dritto perché, comunque, ci sono ottime possibilità che non capiate la spiegazione
/ DISCLAIMER

Ufficio, devo passare un file a un collega.
Visto che i nostri server di condivisione fanno pena al cubo, apro uno share di rete e gli passo l'IP per accedere.
Un minuto e squilla il telefono.
C: " V, non entro. Mi da un messaggio di errore "
V: " Strano... Riverifico. No qui è tutto giusto. Prova adesso "
C: " Uguale. Dice che non esiste "
V: " Questa l'ho già vista. Mi dici l'errore esatto? "
C: " Network is not present or Network not started "
V: " WTF? Ma in rete normalmente entri? "
C: " Si "
V: " Navighi in internet? Posta? "
C: " Tutto regolare "
V: " Allora non mi torna. Dammi un minuto "

Evoco Google e trovo in fretta un tizio con lo stesso problema e gli stessi sintomi.
La soluzione: services.msc ed attivare Workstation.
Che però dovrebbe essere già attivo.
So già che C non è in grado di farlo e non ho intenzione di fargli conoscere un'arma simile.
Quindi mi alzo, vado al suo PC, lo esautoro e verifico il servizio.
Fermo.
Lo avvio, passano pochi secondi ed entro nello share.
Trasferisco il file senza difficoltà.

V: " Questo è strano, eh "
C: " Mai successo "
V: " Davvero "
Mah. Misteri dell'informatica.

Dopo pranzo, ancora il telefono ed ancora lui.
C: " V, ho un problema col masterizzatore "
V: " L'Helldesk ha un altro numero "
C: " Si ma a me serve aiuto ora, non tra due settimane "
V: " Comincia a preparare i soldi del caffé. Cosa vuoi? "
C: " Devo cancellare dei CD RW ma non c'è più l'opzione "
V: " Su un disco o su tutti? "
C: " Tutti! "
V: " Uhm. Fammi studiare "

Seconda evocazione a Google e l'anomalia è poco comune.
La soluzione è strana: bisogna andare nelle proprietà del lettore CD, Recording, togliere e rimettere il flag.
Sarà...
Però i miei sensi stanno trillando.

Chiamo C e gli spiego le operazioni, esegue in linea e l'opzione torna.
Lo lascio a cancellare CD su CD.

20 minuti, telefono.
Dico solo che la suoneria è stata coperta dai miei sensi in allarme rosso.
V: " C che vuoi adesso? "
C: " Non mi fa masterizzare! Dice che non c'è spazio "
V: " Perdona la domanda, ma tu li hai cancellati prima? "
C: " Certo! "
V: " Quanto spazio vede nei CD? "
C: " 500 mega occupati "
V: " ... Arrivo. E sono tre caffé "

Provo a smandruppare un po' ma non c'è niente da fare.
Quei CD sembrano pieni.
Poi un'altra anomalia: tolgo il disco, chiudo lo sportello, refresh.
Ed il CD mi dice che ci sono 500 mega occupati.
Di grazia, non hai il disco!
Che diavolo stai leggendo?

Evocazione #3 che non fa mai male, e di nuovo la soluzione riguarda un servizio.
No.
E' chiaro che il problema è a monte.
V: " C, parliamoci chiaro. Cosa hai installato? "
C: " Nulla "
V: " Al contrario allora: cosa hai disinstallato? "
C: " Nulla "
V: " Hai almeno una dozzina di link ad applicativi non aziendali e certamente craccati sul desktop "
C: " Er... "
V: " O parli con me o parli con l'Helldesk "
C: " Non tocco nulla da una settimana, ma il problema ce l'ho solo da oggi "
V: " Fingiamo sia così: cosa hai fatto oggi? "
C: " Null... "
V: " grrrrrrrrrrrrrr "
C: " Ecco... Era un po' lento in avvio "
V: " Siiiiiiiiiiiiiiiii "
C: " Un processo occupava la RAM ed il 90% della CPU "
V: " Siiiiiiiiiiiiiiiii "
C: " ... "
V: " E tu l'hai...? "
C: " L'ho chiuso "
V: " L'hai chiuso "
C: " ... "
V: " Provo ad indovinare: si chiamava svchost? "
C: " Si quello! E comunque ne ho tanti, saranno copie "
V: " ... Copie "
C: " Ho fatto male? "
V: " Sto perdendo un'ora dietro alla tua dannata idiozia. Secondo te? "

giovedì 1 novembre 2012

Ascolto: disattivato

Ormai è la mia persecuzione.
Sempre CollegaRomagnolo.

Che è un bravo ragazzo che lavora, eh.
Ma ha il senso dell'umorismo di...
Boh. Quello del Bagaglino per fare un esempio.
Nel senso che non fa ridere.
Ma dico, sei romagnolo e non sei divertente?
Ti hanno espulso?

Anyway, in ufficio ci siamo solo noi due a causa della felice dipartita di CollegaPirla.
Quindi o stressa me, o stressa me.
E non sono il soggetto adatto...
Ho provato a farglielo capire più volte, ma sembra un beagle trantoriano.
E' il momento della cura Valeren - prevede violenza psicologica, seguita da altra violenza psicologica.
Perché non quella fisica?
Ma perché la mia non lascia segni evidenti.

Arriviamo ad oggi.
Dopo pranzo: caffé, rientriamo e riprendiamo a litigare con Excel.
Solita routine.
CR: " V, senti qua: ho due amici di $Comune... "
V: " Aspetta aspetta! "
Apro il cassetto, prendo le cuffie, le inserisco nel jack, le indosso, apro un video su Youtube.
V: " Ora puoi continuare "
CR: " BWAAAHAHAHAHAHAH! Cribbio sei troppo divertente! "
Lo ignoro
CR: " Ma senti senti: ho due amici di $Comune..."
V: " CR, io credo tu non stia cogliendo i miei segnali "
CR: " Si che li capisco, ma altrimenti a chi li racconto? "

Inserite nell'ordine questa faccia, poi questa mentre rimettevo le cuffie.
Lui era sempre così. Con una lacrimuccia timida.
[ Chiusura con me che lo guardavo tornarsene mesto su Excel ]

lunedì 29 ottobre 2012

Camaraderie

Diciamoci la verità.
Sono circondato da bestie.

Io - come quasi tutti gli XY - sono gretto, depravato, volgare, maniacale, crudele eccetera eccetera.
Con la differenza che tengo a esporre una facciata da persona contenuta.
Non pacata, ma almeno moderata.
Poi mi guardo intorno...

Collega: " V allora confermato venerdì? "
V: " Yep "
C: " Domani mi porti l'hard disk con i film? "
V: " No prob, ma sono quasi tutti azione / horror / fantascienza "
C: " Ah, no porno? "
Eh no. Mi spiace.
Mi sembra giusto sottolineare che quando è venuto da me ha lasciato il suo disco perché potessi tirare giù qualcosa.
Tipo i 200 giga di film porno che aveva sopra, nella cartella affianco a quella dove teneva le foto di tutta la famigliola in vacanza.
Boh. Magari a casa sua è tradizione...

Ed infatti lo è.
Quando io e AM siamo andati a casa sua, la moglie raccontava come lui abbia l'abitudine di fare commenti sulle ragazze chiedendole un parere!
Lui ride, lei subisce passivamente di tutto...

Oggi poi, visto che è un venerdì d'agosto, molti miei colleghi hanno meno di zero da fare.
Avendo finito con i video scemi di Youtube, le foto di auto ed il calciomercato decidono di sperimentare qualcosa di nuovo.
Tipo tempestare me di mail.
Piene di foto ragazze stupende [ vestite, perché non ci sono solo idioti ].
Il problema? Tutte rosse, quindi sapendo che il mio cervello rifiutava attivamente di comandare alle dita di cancellare le mail.
Ho rischiato di mandare la casella fuori quota, maledetti!

[ Una l'ho salvata, però ]

giovedì 25 ottobre 2012

Captcha: per Google, sono un robot

Da un po' di tempo, Blogspot aka Blogger aka Google ha messo i nuovi captcha.

Perché scrivere una parolina non era abbastanza.
No.
Ora sono due.
Di cui una scritta passando le lettere nel tritarifiuti, e l'altra sono numeri.
Almeno in teoria.

Poi succede che uno prova a scrivere un commento perché ha ricevuto il fantamilionesimo premio, e si trova a dover inserire caratteri che non sono neanche sulla tastiera dei Grandi antichi.

" Dimostra di non essere un robot "
Parli facile, computer.
Io qui sto fallendo il test di Turing uno via l'altro!

1) Colpito e affondato
J8?
Chi quarzo abita in J8?
La corazzata?

2) Silent Hill
Questo va letto prima che parta la sirena, altrimenti escono i mostri e sono dolori.

3) MissingNo
HINT: \ non era la risposta esatta.
Ed ha corrotto la mia Hall of fame.

4) C'è posta per te
... Ma è un civico o una notifica?
Poi me lo immagino: " Scrivimi, via Google numero busta. Si, mail. Quello. "

5) iCreative

Sto cercando di capire se sia un attaccapanni, un estratto del manoscritto Voynich o uno scherzo.

6) Ninja'd!
Finalmente uno leggib...
Aspetta.
No.
No.
NO!

7) The number is a lie
OK, qui è trolling puro e semplice.
Spero che qualcuno sia stato prima sodomizzato col cemento e POI licenziato.

8) Sanity check: failed
Aiuto: questo comincia quasi ad avere senso!

9) Visione mistica
So già che il prossimo captcha mi parlerà.

domenica 21 ottobre 2012

Conta fino a dieci


OK pretoriani, è semplice.
Non è magia.
Contate fino a dieci.
Uno
Due
Tre
Quattro
Cinque
Sei
Sette
Otto
Nove
Dieci

Successo nulla?
Strano.
Ma ci sono ottime possibilità che non stiate leggendo questo messaggio.







giovedì 18 ottobre 2012

The report is a lie

Giorno qualsiasi, in un luglio rovente come pochi se non su Mercurio.

Come ogni giorno accedo ai server di datawarehouse, scarico quello che mi serve, incrocio pere con motoscafi e sputo fuori dati che in ben pochi capiranno.
Le mie procedure automatizzate, e con " mie " intendo scritte da me, hanno anche il controllo di errori ed eccezioni.
Tradotto: se esce qualcosa di non consono scatta l'allarme rosso.
Esempio: estraggo le vendite della Lombardia, ma tra queste c'è qualcuno di Cagliari -> allarme rosso.

Non è una cosa rara, succede almeno una volta al mese che qualcosa di nuovo / strano si manifesti.
Correggo e va a posto.
No problem.
Però è problem se i popup diventano una dozzina.

Cerco di capire perché mi segnali errori su campi assolumente stabili dalla notte dei tempi e...
" Codice Fiscale non consistente "?
Su tutte le maledettissime righe estratte?
Prendo una riga a caso, cliente 1234, codice fiscale Mario Rossi.
No. Aspetta. Quello è il nome.
Cosa c'è nel campo nome allora?
Il nome. Ma ripetuto due volte.
Mario RossiMario Rossi.

OK, tsunami di feci avvistato e nemmeno troppo lontano.
Apro una segnalazione al gruppo di competenza spiegandogli che, secondo me, qualcosa potrebbe non tornare.

Poche ore dopo, il mio capo comincia a girarmi mail su mail.
Sono tutte segnalazioni di altri gruppi che evidenziano problemi catastrofici in altri campi.
In breve, si faceva prima a contare i campi sani di quelli morti.
Peccato che io debba certificare quello che esce dai sistemi ed inviarlo come " dati ufficiali e definitivi dell'azienda ".
Alzo la testa e lo tsunami è praticamente a riva.

Acchiappo il telefono e parte il terzo grado al primo Tennico che becco [ T ]
In colore quello che probabilmente T pensava.
V: " Che quarzo è successo? "
T: " L'ultimo aggiornamento non è andato benissimo "
V: " Avevo intuito. Tempo di ripristino? "
T: " Eh, per ricalcolare tutti i nuovi dati ci vorranno due giorni "
Fuck!
V: " Non vedo alternative. Intanto ripristinate tutti i vecchi "
T: " ... "
V: " Hallo? "
T: " ... "
V: " Non dirlo "
T: " Ci sono stati dei problemi tecnico / logistici "
V: " Significa tutto, quella frase. Dai topi al sabotaggio a PEBKAC che rimane l'opzione 1, 2, 3 e 4 "
T: " Le nuove implementazioni richiedono risorse davvero elevate "
V: " Non. Dirlo. "
T: " Se poteste inviarci tutte le estrazioni che avete salvato... "
V: " nondirlonondirlonondirlocazzonondirlonondirlonondirlonondirlo "
T: " ... Perché i backup non sono compatibili "
V: " Ti avevo detto di non... Scusa come non compatibili? "
T: " Antani sbiriguda cambiato il sistema di tabelle "
We do what we must because we can
V: " Beh, ripristinate il vecchio! "
T: " Non si può "
V: " What "
T: " Aspettiamo un fix per la fine del mese che dovrebbe migliorare la situazione "
But there's no sense crying over every mistake
You just keep on trying till you run out of cake

V: " Servono giusti ora, e saranno vitali tra due giorni! "
T: " Ti ho detto che da lunedì siamo in ferie? "
When I look out there, it makes me GLaD I'm not you

Invoco il dio Nanos ma non cambia nulla.
Pochi minuti dopo, riunione col mio capo.
B: " Allora per le chiusure siamo a posto "
V: " Siamo... No! Lo sai meglio di me quanti errori ci sono! "
B: " Possiamo correggerli? "
V: " A meno di non prendere 300 cinesi e fargli controllare un dato a testa, no. E non mi fiderei lo stesso del risultato "
B: " Distribuiamo l'errore "
V: " E' una frase di marketing? Perché per me non ha alcun senso "
B: " Facciamo così: prendi tutti i dati storici, ma tutti, li metti in un Access e poi estrai... "
You will be baked, and then there will be cake

martedì 16 ottobre 2012

HELP! EPU-6 vs Wireless

[ Questo post è stato aggiornato, vedi alla fine ]

OK pretoriani, mi servono idee e consigli.

Situazione: ho notato, da un po' di tempo, che il mio PC ha problemi di navigazione.
Ogni tanto smette di navigare: le pagine non caricano, i download si bloccano eccetera.
Il wireless, in tutto questo, rimane segnalato come costante e senza messaggi di sorta.
Riavviare il mio router e l'HAG non risolve.

Dopo aver perso i download una volta di troppo, ho cominciato a fare un troubleshooting serio.
Ping -t verso il router ed è apparso immediato il problema.
Ogni tanto, senza una ragione specifica, il ping sale di botto oltre 2000 e poi per sei - sette passaggi va in timed out.
Per la gioia di tutte le mie connessioni in quel momento...
Purtroppo non era riconducibile ad un applicativo: fosse anche aperto uno solo tra browser, emule o torrent [ yup. Qui si " noleggia diversamente " ] il problema si ripresentava.

Vero: il mio PC è stato " alterato " da A Sironi.
Che però ha fatto un ottimo lavoro, quindi non è imputabile.

La grossa sorpresa, due giorni fa, è stata quella di rendermi conto che avevo il PC in download su tutte le applicazioni sopra riportate da almeno tre ore e senza aver avuto alcun problema.
Ho ricontrollato tutto e, con gli occhi sgranati, ho capito chi era il colpevole: EPU-6.
Che però mi serve per il controllo di ventole, prestazioni, temperature eccetera.
Inamovibile.
La cosa davvero folle è che se ho il PC in " auto " o in " power saving " [ omino che cammina ] funziona divinamente.
Se imposto " high performance " [ aereo ] per poterlo sfruttare normalmente, impazzisce.
Notare che non fa overclock o sa il cielo cosa.
Anzi, come da immagine sotto non posso modificare nulla!

Via cavo di rete va tutto che è una bellezza, anche in high performance.
Segnalo che la ethernet è integrata, mentre la scheda wireless è una Atheros rimarchiata con driver beta slovacchi per Vista 64.
Ed io ho Seven 64.
Long story - semplicemente non li hanno rilasciati per sistemi a 64.

E no, su Goooooooogle non si trova una mazza di niente a riguardo.Neanche in tedesco o francese.

Se qualcuno di voi ha esperienza in merito, o idee, me lo faccia sapere!
Prima di comprare, aprire, smontare due hard disk per installare una scheda che magari non risolve...

[ Si, ovviamente ho l'ultima versione di EPU-6 ].
[ E nessun firewall di mezzo. Try harder ]

[ Aggiornamento: 20121018 ]
Allora, driver aggiornati dopo una serie di minacce da Convenzione di Ginevra.
Disattivata nuovamente la possibilità che  la scheda potesse essere spenta dal sistema.
Disattivato Avira, impostato High Performance, aperto quanto sopra.

Per parecchio non ha avuto alcun problema, poi sono ricominciati i ping a >>2000 e le perdite di 6-7 pacchetti.
Non sembrano collegate ad eventi specifici, come il caricamento di una pagina o il completamento di un download.
Casuali.
Maledettamente casuali.

Quindi finora nessun vincitore.
Rimane da provare:
- Disattivare Energy Star 4.0 Support
- Flash del BIOS [ paura paura paura ]
- Pentacolo e gallo nero [ Devo rintracciare il Pulcino ]

lunedì 15 ottobre 2012

Il giorno dei dementi /2

La giornata di oggi può essere definita come il perfetto connubio tra le frasi " Today is a good day to die " e " Suicide is always an option ".
Tradotto: se non fossi al primo piano...
Beh. Niente post ma una macchia sull'asfalto.

Oltre al rimba del capitolo 1, entra a gamba tesa CollegaShoppy [ CS ].
Questo fenomeno per capirci.
Il protagonista della prima storia.
Non un outsider qualunque, eh.

Ha un file Excel con formule assurde che nessuno riesce a interpretare e modificare.
Er... OK. Si.
Era un mio file, e non è colpa mia se OFFSET() e MATCH() vi sono tanto ostiche.
[ Specialmente nella stessa formula... ]
[ Con riferimento ad altri nomi... ]
Aggiungiamo che la formula non è visibile [ names, siate santificati ] ed il risultato è che quando c'è da fare una modifica piangono.
L'esito è sempre lo stesso: il file arriva a me che lo correggo.
Anche se non sono più in quel gruppo.
Da un anno.
Certo, non sono indispensabile... Tra due mesi sarò fuori da qui e vediamo.

Ad ogni modo gli dico di mandarmi il tutto per mail che lo aggiorno.
Tempo 15 minuti, finisco il tutto e lo rispedisco.
30 secondi dopo squilla il telefono.
CS: " V hai il file aperto "
V: " Uhm... No, perché? "
CS: " Perché mi dice che è aperto "
V: " Cosa? "
CS: " Il file! "
V: " Si, chiaro, ma quale file? "
CS: " Quello modificato "
V: " Non può essere aperto: te l'ho inviato per mail! "
CS: " Ma è aperto "
V: " No "
CS: " Puoi chiuderlo? "
V: " NO!!! "
CS: " Ed io come faccio? "
V: " Ti impicchi per quanto mi riguarda. Anche perché al 100% stai parlando di un altro file "
CS: " ??? "
V: " Un file inviato per mail è chiuso e fine a sé stesso. Tu che quarzo stai guardando? "
CS: " Ah, allora è quello in rete "
V: " Già. Allora è lui "
CS: " Puoi chiuderlo? "
V: " Ma che è? Il giorno della marmotta? Ti ho detto che non ho quel dannato file! Me l'hai spedito tu! "
CS: suoni tipo pianto
VB: Mission. Fucking. Accomplished.
V: " Ma perché non fai un banale doppio click sul file così scopri chi ce l'ha aperto? "
CS: " Funziona? "
[ NdV: usa Excel da almeno tre anni per otto ore al giorno ]
V: " No. Te l'ho detto per farti piangere di nuovo. Premi quel c4$$o di file! "
CS: " ... Dice che ce l'hai aperto tu "
V: " Non diciamo cazzate. Leggimi il messaggio "
CS: " Qui dice che lo sta usando Administrator "
V: " ... "
CS: " Non sei tu Administrator? "
V: " No, altrimenti ti avrei già licenziato "

giovedì 11 ottobre 2012

Il giorno dei dementi /1

Non so cosa sia.

Una tossina? Un virus? Polline? Naniti?
Davvero: non lo so.
Ma oggi si sono risvegliati, e cervelli già deboli hanno completamente ceduto.

CollegaRomagnolo [ CR ] ha delle pessime abitudini.
Tipo dire a voce alta le formule di Excel che sta leggendo / scrivendo.
O canticchiare - male.
In sintesi, secondo il De Mauro - Paravia, è uno " stracciapalle ".

Una delle sue specialità è una tecnica ninja denominata " Colpo dell'alce occultato ".
In pratica, attacca a sorpresa con frasi che mandano in crash il cervello.
Ovviamente, per avere il massimo risultato, questo avviene sempre quando l'avversario è straconcentrato.
CR: " Ahah, ho fatto una figuraccia "
V: " ... A me...? "
CR: " Con quelli del fantacalcio! Scrivevano che X non aveva risposto, ed io gli ho detto ' Ma come? Sono io X! ' "
V: " ... "
CR: " Loro però intendevano un altro X con lo stesso nome! AHAHAHAH! "
V: " Me ne frega poco e fa ridere ancora meno "

Fast forward di quattro ore.

CR: " Ahah, ho fatto una figuraccia "
V: " Voglio morire "
CR: " Con quelli del fantacalcio! Scrivevano che X non aveva risposto, ed io gli... "
V: " CR, l'hai già raccontato prima di pranzo "
CR: " Si certo "
V: " ... "
CR: " Ma non avevi riso e magari te l'eri dimenticato "
V: " Facciamo così. Da oggi per parlarmi devi aprire un ticket e attendere il mio OK "



Mentre stavo scrivendo questo post...
CR: " V! Catamarano! "
V: " ... Si cert... WTF? A Milano???? "
CR: " Ma si, catamarano o rottweiler "
V: BSOD
CR: " La tipa con cui sono uscito ieri "
V: " Quando scriverò le mie memorie, non ci crederà nessuno "

Giuro sul mio gatto.
E' andata davvero così.

lunedì 8 ottobre 2012

La manina

Ufficio.
Come ogni giorno sto manipolando dati convincendo Excel a riportare quello che essi vogliono sentirsi dire, alla faccia del concetto di " realtà ".

Mentre sono preso a scrivere formule su formule, CollegaRomagnolo attira la mia attenzione con grida di soccorso.

CR: " V devo aprire un ticket "
V: " Devo tenerti la manina? "
CR: " Non mi ricordo il link al nuovo sistema! "
V: " Ci hanno mandato duecento mail. Al giorno "
CR: " Eh ma sbiriguda a destra "
V: " Comunque è facile: devi solo scrivere $abc, tre lettere "
CR: " $abd? "
V: " No. $abc "
CR: " Nella mail? "
V: " Nella m...? NO! Ma perché la mail? Nel browser! "
CR: " ... "
V: " ... ... ... explorer "
CR: " Dove? "
VB: Calma e pazienza. Economia & commercio sputa solo questa gente
V: " Nella strafottutissima barra degli indirizzi "
CR: " Qui? "
V: " Quello è Google, $Imprecazione1 $Imprecazione2 $Imprecazione3 "
CR: " Qui? "
V: " Alleluja. Si "
CR: " www.$abc "
V: " NO! NO! FHTAGN! Chi ha mai detto www? E' sulla nostra intranet! "
CR: " ... Allora io... Come... "
V: " Scrivi $abc. Solo $abc. Altro? NO. Poi premi invio "
CR: " Funziona! Dai mica era così difficile no? "
V: " Ma muori mille volte "

Passano due minuti.
Non scherzo: due minuti.
CR: " V com'è che si chiama la manina? "
V: " WTF??? "
CR: " Daiiii, la manina! "
V: " Quale manina??? "
CR: " Quella sullo schermo "
VB: Possiamo andare a casa
V: " Di. Cosa. Quarzo. Stai. Parlando. "
CR: " Quando muovi il mouse esce la manina no? Quella! "
V: " Intendi il cursore? Ma è una freccia! "
CR: " Ma dai? Sempre sembrata una mano "

Fortuna che tra due mesi sarò fuori da qui.
Con metà della sanità mentale, certo.

EDIT
Ho scritto questo post un mese fa.
Un mese, non trecento anni.
CR: " V un aiuto ad un collega non informatizzato "
V: " Digli di impiccarsi "
CR: " DAIIIIIII "
V: " La corda non è roba moderna. Dovrebbe farcela e se vuole un aiuto... "
CR: " Non riesco ad entrare in $bac "
V: " ... "
CR: " Lo scrivo nel browser eh! "
V: " ... "
CR: " Ma dice che non esiste "
V: " ... ... ... $abc "
CR: " No, $bac "
V: " E' un acronimo. $abc "
CR, cambiando quanto scritto su un post-it: " Perché devi avere sempre ragione? "
V: " Perché sono un ditt... Perché sono perfetto e perché non uso dei cazzo di post-it! "

Oggi, nel 2012, in un'azienda di tecnologia, uno dei dipendenti chiave ha scoperto l'esistenza dei bookmarks.
Anzi dei " preferiti " perché non capiva di cosa stessi parlando e di come funzionavano.

giovedì 4 ottobre 2012

Suicida wannabe

NOTA: ho modificato l'ordine dei post in modo da far uscire subito questo.
Quanto sto per raccontare è successo due giorni prima della data di pubblicazione.

Torno a casa dall'ufficio e, dopo aver salutato AM + nonna_AM mi rendo conto che manca qualcosa.
Qualcuno.
Dove sta la mia gatta?
Di solito fa da " comitato di benvenuto " anche se 9/10 addormentata.
La trovo sul letto, acciambellata e sveglia.
Due coccole e via.

Sera, ora di cena.
Mi guardo intorno e della felina nessuna traccia.
V: " Ma la gatta? "
AM: " E' in camera da letto "
V: " Ancora? "
AM: " Eh si. Oggi si è spaventata "
V: " Quella si lancia contro cani e persone... Cosa l'avrebbe spaventata? "
AM: " Hanno tirato dei petardi, era in balcone ed è scappata "
V: " Chi tira dei petardi a ottobre? "

Da notare due cose:
1) Fuori, già quando ero rientrato, c'erano solo bimbi piccoli - più o meno 7-8 anni - circondati da mamme e nonne.
Impossibile che fosse stato uno di loro.
2) Era già successo pochi mesi prima, quando mi affacciai non vidi nessuno.
Persino un mezzo rintronato come Errore uscì in balcone [ 15 secondi dopo ] dando dell'idiota a chi fosse stato.

Finiamo di cenare e ci mettiamo sul divano a guardare la TV.
Ad un certo punto BOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOM!
Vicino. Fottutamente vicino.

Forse non l'ho mai scritto ma ho dei riflessi spaventosi.
Due secondi dopo sono in balcone e vedo qualcosa di stranissimo.
Una nuvola grigia molto densa, tipica di un petardo, ma esattamente sui gradini del mio condominio.
In cortile nessuno.
E la porta di ingresso si chiude.

Bravo. Bravo davvero.
Tiri un raudo sulle scale di casa e rientri?
E dove speri di andare, ora?
Altri due secondi e sono sul pianerottolo incazzato come una faina.
E sono al primo piano, quindi chiamo l'ascensore.
Dovunque tu voglia andare, beh, ci sono prima io.

Sento i passi di corsa sui gradini e una frase mi lascia basito.
X: " No mamma, ma tu credi che possa aver fatto qualcosa del genere? "
Oh povero piccino, si aspettava mammina col volto corrucciato?
Un cazzo.

Arriva e mi rendo conto che è il figlio dei miei dirimpettai, un cosino magro e scemo.
Che per mezzo secondo sembra non cogliere quanto sta accadendo.
In particolare, non capisce perché davanti a lui ci fosse un volto noto - giuro ero identico.

Scatto in avanti e mi porto a 15 centimetri dal suo naso.
Cambio tono di voce e passo ad un più adatto growl.

V: " Te lo dico chiaro e semplice: tu non lo fai più "
X: " io "
V: " Tu non lo fai più. Punto. "
Notare l'assenza di punti interrogativi.

Se n'è entrato a casa tremando.
Penso non abbia dormito.

Rientro, torno sul divano, vedo AM preoccupata mentre nonna_AM sogghigna.
V: " Gli è andata ancora bene. Se avesse incontrato mio padre, starebbe ancora a prendere cazzotti sui denti "

Intanto mi scarico i moduli per revocare l'obiezione di coscienza.
Vedo una raccomandata in partenza nei prossimi giorni.

lunedì 1 ottobre 2012

E' il lunedì più caldo dell'anno.
Milano sembra la Death Valley ma parecchio più umida.
Poca gente, neuroni bolliti, voglia di lavorare molto sotto lo zero.
Eppure qui in ufficio ci sono altre anime perse, ed il caldo sta infierendo anche sulle loro deboli menti.

Unico presente: CollegaShoppy [ CS ], testa calda protagonista di questa storia.
Vado a pranzo con lui e praticamente percorriamo il tratto di ritorno di corsa per non cuocere sull'asfalto.
Il suo ufficio viene prima del mio, quindi stessa strada.
CS mi invita ad entrare per farmi vedere un sito con l'ennesima cosa che ha comprato per la macchina fotografica.
Apre, ma la porta non si muove.
Riprova: uguale.
CS: " Ma cazz... "
V: " ... "
CS: " Qualcuno ha chiuso a chiave "
V: " ... "
CS: " Ma io non ho la chiave "
V: " ... "
CS: " No, si è incastrata "
V: " ... "
CS: " Schifo di manutenzione! "
V: " ... "
CS: " Ho dentro il PC! Come faccio ora? E le chiavi della macchina! "
V: " ... "
CS: " Ora scendo e spacco la faccia a qualcuno se non mi aprono la porta "
V: " ... CS, le porte si spingono "
CS: " Er... Ma io ho spinto! "
V: " No "
CS: " Era bloccata "
V: " No "

Passa qualche ora, squilla il telefono.
Problema: il $GruppoImportanti è tecnicamente in ferie e ci sono solo io.
I vari reparti con cui siamo in contatto sono, giocoforza, in ferie anch'essi.
Quindi può essere solo CS o altri con cui sono uscito a pranzo la settimana prima.
Rispondo e sorpresa: è il mio ex-ex-ex-boss [ EB ].
Che diavolo vuole e che diavolo ci fa a lavoro?

EB: " V per fortuna ci sei almeno tu! Ho chiamato tutti gli altri ma non rispondono "
V: " Ovvio. E' chiusura ufficiale, io sono una sorta di presidio "
EB: " Allora chiedo a te, sicuramente saprai aiutarmi "
V: " No "
EB: " Eh? "
V: " No, non sarò in grado. Altrimenti mi avresti chiamato per primo e non per ultimo "
EB: " Non sapevo che tu ci fossi "
V: " No. Tu sapevi che era tutto deserto, ed in ogni caso avresti dovuto cominciare da me. Sei solo disperato "

Mi sto togliendo tante di quelle soddisfazioni... E' terapeutico.

giovedì 27 settembre 2012

Ripetimi cosa vuoi /4

In un momento di stanca - 17/08 - decido che è il caso di guardare come e perché i pretoriani giungono su questi lidi.

Sappiatelo: sono molto, molto deluso.

I Tecnocrati hanno le solite chiavi di ricerca: configurare xampp e l'icona del desktop in Windows Seven.
Che davvero, sono decine.
Dovrei scrivere un " For dummies " e prenotare la Ferrari.
Ve le evito perché sono tutte uguali.

I Bimbiminkia - perché spero non sia sempre lo stesso - mi hanno regalato --> D I C I A S S E T T E <-- ricerche per le solite analisi logiche / grammaticali.
Ma solo io me li ricordo come esercizi che prendevano si e no trenta secondi?
Per la grammaticale cercano:
- Vedere [ Figliolo, è un cazzo di verbo... ]
- Aceto balsamico
- Addosso [ Il caricone che dovrebbero farti ]
- Addosso [ No, non l'ho scritto due volte: ha fatto due ricerche simili! ]
- Bollito affettato [ Nel tuo caso sono aggettivi qualificativi. Ti qualificano come " rifiuto " ]
- Freezer
- Cacao
- Obbedisco [ Ma per favore! ]
- Mi chiedo quale [ ... sia la scuola che non ti boccia? Quella italiana ]
- Se ti va [ Di tornare indietro nel tempo e fare un certo lavoro sporco? Hell yeah! ]
- So che dovrei accompagnare ma è tardi e nn posso più [ E' sbagliata la fottuta frase, manca un fottuto pronome, manca una fottuta o ]
Che cos'è pentimento [ Tua madre lo sa ]
- Domenica pomeriggio
- Pernacchia [ ... Troppo facile ]
- E' uguale al tuo [ Tu. Vuoi. Sapere. Cosa? ]

Nota: " Addosso " era stato cercato più volte anche nella precedente tornata.
Se avete spiegazioni...
Per la parte di logica, solo due:
- Che cos'è questo [ Sotomayor! ]
- Io sono in ritardo [ Qui ci vuole poco a cadere nel personale. Ma la tua frase va leggermente modificata ]

Per fortuna ci sono anche chiavi di ricerca umane:
- citta senza fiume [ Trantor ti cercano! Qui. Non vorrei che si cominciasse a pensare male... ]
- concerto metal, la gente protesta ma è tutto regolare [ Protestano per cosa? Chi? I metallari? Ma sei del TG4? ]
- dictatorwannabeblogspot [ Herp derp ]
- elenco delle citta senza fiumi [ Senza fiumi, tante. Difficile che ne abbiano due o più! ]
- facebook confessionale degli imbecilli [ Qui torre di controllo: Captain Obvious è atterrato ]
- grumi di mascarpone causa [ Non lo hai miscelato bene. La forchetta non basta, serve la frusta! ]
- immagini di sheamus [ ... Un cane? ]
- impiegata sclerata [ Ma vi sembro le Pagine Gialle? Che tra l'altro non ha un blog, quindi è una sorta di profuga... ]
- lavori cascina gobba [ www.chiedi_ad_Astro.it ]
- sblinda la supercazzola [ Si, ma se sbiriguda altrimenti domani con occhiello ]
- vacanza staccare freezer [ Consigliato! ]
- vagello biblioteca conservatorio [ ... No. Davvero no. Qui non si tratta l'argomento " mantovani in fuga " ]
- valeren alfabeto [ Tu stai male ]

Cosa rimane?
Facile: il Best delle Bestiate!
6) barba perché non mi cresce [ Aspetta di raggiungere la pubertà, almeno! ]
5) cariche batterologiche nei giocattoli [ Non so se mi preoccupa di più quello che cercate, o il fatto che arriviate qui ]
4) soluzioni bloggers and wannabes [ ... Next! ]

Siamo sul podio...
3) dove posso trovare posti cassare a mare linguria [ Per cassare non lo so, ma la Linguria è stupenda! Sanvona e Gennova in particolare ]
2) immagini divertenti di gabbie di matti [ Ci sarebbero le foto del congresso dittatoriale, se il Pulcino le mollasse ]

Ladies [ ma quando mai ] & gentlemen [ ancora meno ], il vincitore!

1) piede per bonghi

Allora.
No.
Io forse so cosa intendi, e spero che sia quello.
Altrimenti sono preoccupato e tu confuso.

Il problema è che ho rifatto la ricerca adesso, sono arrivato a pagina 21 di Google e non appaio.
Ora, per favore, mi fai la cortesia di manifestarti e di dirmi quante maledette pagine ti sei dovuto scandagliare!

[ Si, ho lo screenshot della chiave di ricerca. Non l'ho caricato perchè sarebbe stato visibile nell'album. Se volete... ]

martedì 25 settembre 2012

Niente Linux

Non è una richiesta.
E' una fottuta presa di posizione.

Io capisco che, essendo anche lettori di Bianchi / Bitmover / MK66 / Gama / Sironi / Others la fauna pretoriana sia fortemente informatizzata.
Ma reputo necessario tracciare una linea.

Avete tutta internet per fare le vostre piccole guerre di religione sui sistemi operativi.
E' meglio Linux!
Perché non installi Mandriva?
Ma no, Ubuntu per provare...
E cambia che KDE sarcazzo fa schifo, meglio Gnome sarcippo.
Scarica una Knoppix e prova.

Hint: non qui.
Apprezzo l'open source e che ci siano possibilità per tutti.
Ma davvero, non qui.
Non consigliatemi distribuzioni perché da oggi il commento sarà cancellato e la risposta punterà verso questo post.

Se non tollero che chiese, partiti e altro mi impongano qualcosa, beh, non vedo perché debba accettarlo sull'informatica.

Evito di dilungarmi ulteriormente, conto di essermi spiegato.

Anzi no.
Capitolo Mac: non credo esista il ban su un blog, ma garantito che cestinerò ogni singolo post che me lo consigli - seguito da doveroso corredo di insulti.

lunedì 24 settembre 2012

Povero Valeren, povero PC /2

Nel capitolo precedente, lo sventurato eroe deve sobbarcarsi chilometri & incazzature per ritirare un pacco che poteva essere spedito ad altra destinazione fin dall'inizio.

Se vi sembra una brutta trama, magari tratta da Gabriel Knight 3, non siete i soli.
Così come ho odiato la Jensen vorrei fare a strisce il mio sceneggiatore.
[ Per chi non ha colto la citazione di GK3, tranquilli. Ormai sono abituato ]

Arrivo finalmente da mia madre.
Siamo in ritardo ma ormai...

Ci accoglie, beviamo perché siamo disidratati, chiedo settanta volte dove stia il pacco per verificare che sia tutto a posto.
M continua a cambiare discorso.
Arriva una chiamata di P, chiede se siamo ancora lì così passa a salutarci.
Yeah. Gioia & gaudio.
V: " No "
AM: " Ma certo! "
VB: Hai ancora le chiavi della macchina? Allora muoviti!

M: " Si sono qui, ti aspettano "
P: " Perfetto arrivo tra 20 minuti ciao "
V: " ... Tra vent... "
Da lì ha cominciato a doppiarmi Trantor.

Decido di diventare assertivo.
Traducete con " dittatoriale ".
V: " Il pacco. Dove. Tiralo fuori "
M: " E' lì vicino a te, prendilo "
Guardo a 360° e garantito non c'è niente del genere.
Non so chi sia il corriere - Bartolini, SDA, TNT, DHL, Topo Gigio - ma non c'è nulla.
AM: " Scusa, ma dov'è? "
M: " Oh ragazzi, sveglia! Questo! "

E mi passa una scatola tenuta insieme da un po' di scotch.
Che però è della Epson, non della Samsung.
Aggiungo che riportava in modo molto chiaro " Toner ".
V: " Ma che cazz... "
M: " Perché avete comprato una cartuccia via internet? Al supermercato non le vendono? "
AM: " Quello doveva essere un cellulare "
M: " La Epson fa cellulari? "
AM: " NO! "

Tiro fuori la lettera di vettura ed effettivamente risulta essere il telefono che ci aspettavamo.
In teoria.
Io già mi aspettavo, alla meglio, una consegna errata.
Se non un mattone.
Si OK ero convinto del mattone.
Tra l'altro la scatola era circa 20*40*20 quindi di Galaxy ce ne stavano cinque o sei.
Agito un po', non si sente un suono.
E' leggera.
Stai a vedere che questi invece del mattone hanno messo il polistirolo?

Apro la scatola e c'è un foglio di carta come prima cosa.
Lo prendo, lo giro, lo osservo.
Lo insulto.
Check di stampa della cartuccia a colori rigenerata, allegata come prova di funzionamento!
Mentre ci chiediamo come si possa, onestamente, scambiare uno smartphone per un toner continuiamo a rimuovere pluriball su pluriball.
Alla fine esce un pacchetto sigillato grande abbastanza da contenere sia un toner che un cellulare.
Apro e, con sollievo, riscontro che è il telefono.
Metto in carica per 10 minuti e spero che sia tutto a posto.

Finita la scenetta arriva P felice e gioioso, si informa sul perché io abbia una scatola Epson in mano e lo ragguagliamo.
Mentre sto aspettando che la batteria raggiunga l'1% e possa fare qualche check, P se ne esce con una delle sue malsane idee.
P: " V, c'è il nuovo PC di M che va lento. Perché non gli dai un'occhiata? "
V: " Perché non voglio farmi del male...? "

Prima di proseguire, rileggetevi sia quel post che i commenti.
[ Musichetta di attesa tipo ascensore ]
Fatto?
OK.
Quello che avevo davanti agli occhi era peggio.

Avvio il portatile, ovviamente senza password, e sono dentro.
Aspetto per due minuti che ogni possibile finestra mi si apra davanti, provvedo a prendere nota dei nomi e chiudo.
Respiro.
Espiro.
Respiro.
Espiro un sacramento sottovoce.
V: " Io piallo "
M: " Tu cosa? "
V: " Tolgo. Nuclearizzo. Distruggo. C'è più fetenzia in questo, che ha poche settimane, del precedente che aveva anni "
M: " Non c'è niente di strano lì "
V: " Già. Oltre ad Avira che ho installato io, vedo NOD32 e McAfee. Che avevo rimosso io "
Silenzio.
Mi giro verso P.
V: " Li hai messi tu? "
P: " Neanche lo tocco, quello "
V: " Lo ha fatto $Amica? "
M: " Saranno entrati da soli "
V: " Non cazzo entrano da cazzo soli! Qualcuno fa un cazzo di click! "
M: " Nonsonostataio "
V: " Eh, i gremlin allora. Io distruggo "
Tolgo i due pesi morti, riavvio, altro milione di finestre.
Comincia il lavoro pesante.

Apro Chrome per capire come rimuoverli uno ad uno e mi accoglie una mezza dozzina di barre pubblicitarie.
Nooooooooooo!
V: " Queste? "
M: " Da sole! "
V: " nondirestronzatenondirestronzatenondirestronzatenondirestronzate "

Nel mentre della discussione, mi accorgo che dietro al browser si è formata una fila chilometrica di finestre che ammazzano la RAM.
Guardo, e sono tutte istanza di Chrome piene alla morte di pubblicità di ogni tipo.
Scam di ogni tipo, dalla donazione ad enti sconosciuti a negozi online inesistenti.
Io queste cose non le vedevo più da anni ed anni.
Ancora un po' e fa bella mostra il Nimda.
Bon, Alabarda spazialeeeeeeeeee!
Il tutto mentre P osserva e fa domande inutili.
P: " Cos'era quel programma che hai chiuso? "
V: " Non lo so, ma se il processo non esiste su Google parto dall'idea che non debba esistere neanche qui "
P: " Quindi lo togli? "
V: " Noooo, gli do una caramellina sperando che diventi buono "

Passa mezz'ora e sto ancora falciando l'impossibile.
Sono al secondo cambio di fegato perché i precedenti sono scoppiati a colpi di " Non sono stata io ".
All'ennesimo riavvio sembra andare meglio.
Vedo alcune cose sul desktop che non mi piacciono, ma sono bana...
PC: " A T T E N Z I O N E ! Sono stati rilevati >1900 files infetti! Premere immediatamente qui per una scansione! "
V: " Ma porca di quella "
P: " Così tanti? "
V: " Leggi maledizione! >1900 files infetti ma ancora deve fare la scansione? "
P: sguardo vacuo, probabilmente perso tra le stringhe
V: " E' un c4$$o di falso antivirus!!! "
P: " Beh, allora? Disinstallalo "
V: " Questi sono bastardi. Possono fare danni enormi se li togli, e questo onestamente non l'ho mai visto "

Vediamo vediamo... Start -> Programmi -> No non esiste.
Pannello di controllo... Nada.
Google? Si ovviamente, ed è pieno di gente che non è riuscito a toglierlo ed è disperata.
[ Nota: non l'ho detto? Ma è ovvio: si è installato da solo! ]
Trovo un link di uno che deve averci smadonnato due giorni e tre notti.
Passo passo indica cosa fare, cosa rimuovere, quali servizi disabilitare, quando riavviare eccetera.
Dopo un altro quarto d'ora abbondante ho finito anche questa.

Passo al desktop, ed è tappezzato di link a un sito di similmalware che si nasconde dietro a emoticon e altra roba.
Non ricordo il nome, ma l'avevo tolto già la prima volta che avevo messo mano al PC.
Ma lui è tornato da solo.
Lo tolgo in due click, poi rimango a pensare.
E rifletto.
E rifletto ancora.

Allora, è chiaro che qualunque cosa io faccia sia un palliativo.
Alla meglio prolungo l'agonia.
Se installo qualche programma che " filtri " internet per mia madre, come quelli per i bambini per capirci, lo toglierebbe.
Quindi...
Quindi file hosts e ridirigiamo un po' di gente a 127.0.0.1
Trovo il files, lo apro, lo modifico, lo salvo.
PC: " PRRRR! ERRORE! "
V: " Figlio di un chip... Che hai? "
PC: " Non sei autorizzato a compiere questa operazione "
Ora, qui è entrato di tutto e di più e tu non mi fai modificare un BIP di file?
Discutiamone.

M è Admin [ e su questo do ragione ai linari: nessuno deve essere root / admin senza una buona ragione, e non c'è MAI una buona ragione ] ma per qualche strana ragione non ha diritti sul file.
Qualche click dopo il file è mio e viene modificato come previsto.
P: " Che cosa hai fatto? "
V: " Del bene "
P: " Ma se lo volessi rifare? "
V: " Chiami me "

Installo Malwarebytes, il tempo di lanciarlo e trova 19 schifezze.
Diciannove.
In meno di 5 secondi.
Ma porc... Non è un PC, è Calcutta!
Chiaro che ci vorrà ancora un po' perché finisca, tanto vale cenare.
Alzo la testa: le 20 passate.

V: " Quindi pizza? "
P: " Perché no? C'è una nuova pizzeria qui vicino, ottima "
M: " P le vai a prendere tu? "
V: " Ma no, tanto fanno da sole "

giovedì 20 settembre 2012

Povero Valeren, povero PC /1

Piccola premessa.
I miei rapporti con la mia famiglia sono ridotti - li definirei " essenziali ".
Ci si sente solo per necessità e onestamente mi va davvero bene così.
Per AM no, se lei non sente madre+nonna+sorella+fratello+<add_someone> ogni settimana per almeno due ore muore.

E' soggettivo, vien da dire.
Non fosse che mi è " imposto " di telefonare di tanto in tanto.
Di solito, questo avviene ripetendo ogni due - tre minuti frasi del tipo:
- Hai sentito tua madre?
- Come sta tua madre?
- Quando chiami tua madre?
- Passiamo da tua madre?

Ora: so come c4$$o si usa un telefono.
Se non lo faccio, forse forse, è perché non me ne sbatte di meno.

Quindi quale escamotage ha trovato il genio nella lampada?
Facile: compra online a fa spedire da mia madre, obbligando me ad andare a ritirare.
[ Hint: non avverrà mai più, se non per i miei pacchi ]

Fine della " piccola " premessa.

Agosto, arriva il nuovissimo smartphone che AM ha preso per sostituire il suo defunto N95.
Che povero, con tutti i voli che ha fatto ha anche ragione a volere la pensione.
Chiaramente viene spedito da mia madre.
Da notare che abbiamo una posta interna qui in azienda che riceve pacchi personali senza battere ciglio.
No.
Da mia madre.

Ci accordiamo e passiamo per una cosa toccata e fuga.
Il piano infallibile:
- ore 17.05 -> Ritiro AM davanti al suo ufficio
- ore 17.30 -> siamo da mia madre
- ore 17.45 -> scappiamo col malloppo
- ore 18.30 -> siamo a casa

Cosa? Murphy?
No lui era in ferie. Mia madre basta e avanza per complicare le cose.

Giorno rovente, alle 17.05 recupero AM e ci dirigiamo in un traffico milanese che non è proprio quello che mi aspetterei ad agosto.
17.30, parcheggio a 20 metri da casa di M.
Non male se si considera che è ad un tiro di sasso dal Pirelli.

17.31 -> suono al citofono. Nessuna risposta.
17.32 -> chiamo Cellulare #1. Libero, nessuna risposta
17.33 -> chiamo Cellulare #2. Libero, nessuna risposta
17.34 -> SMS a entrambi i cellulari, mantenendo un tono cordiale: " Dove $genitale stai??? "
17.35 -> Il sole uccide, decido che andremo a prendere un gelato
17.40 -> Corroborato dal gelato decido di chiamare mio padre [ P ] perché magari sono insieme a far la spesa o sa il cielo.

P: " No, non è con me. ma di solito alle 17.30 va in palestra, l'avete mancata per poco "
V: <insert_curse_here>
P: " Di solito, per le 18.30 finisce "
AM: " Che facciamo? "
V: " Aspettiamo. Facciamo un giro, inganniamo il tempo e stiamo all'ombra "

Finiamo il gelato e ci muoviamo verso la fumetteria, dove AM aveva ordinato un mezzo tir di arretrati mesi fa e non eravamo mai andati a ritirarli.
Ovviamente facendo giri e controgiri per stare lontani dal Sole.

17.55 -> Siamo a metà strada e mi squilla il cell. Mia madre.
V: " Vedi SMS. Dove quarzo stai? "
M: " Ero ad innaffiare in terrazzo e non ho sentito i telefoni "
V: " ......... Tutti e due? "
M: " Erano in un'altra stanza "
V: " Tutti e due? "
M: " Si "
V: " Che te ne fai di due cellulari ed un cordless se non te ne porti appresso neanche uno? "

Faceva troppo caldo per arrabbiarsi.
E comunque, non avrei risolto.
Giriamo i tacchi e in pieno ritardo sulla mia tabella di marcia arriviamo a casa sua.

Ora.
Saranno gli anni spesi a sputare sulla mai abbastanza maledetta faccia di Murphy, ma ormai ho un sesto / settimo / ennesimo senso per le cose che stanno prendendo una brutta piega.
In quel momento stavano trillando tutti.
[ I sensi, non i cellulari ]



[ Continua ]

lunedì 17 settembre 2012

A E I O U Y

Telefonata:
V: " Te lo faccio sapere entro oggi "
Collega: " Ti prego è urgentissimo! "
V: " Sei in fondo alla fila. Mettiti comodo che se va bene sei il numero 80 "
C: " Urgente... Vitale... Cavallette... "
V: " Allora lasciami lavorare! "

Che succede?
Nulla.
Solo che siamo nel pieno delirio delle lavorazioni periodiche.
Dobbiamo inventare produrre i dati da cui verranno inventati definiti i budget e gli obiettivi del resto dell'anno.
Come in ogni grande società, si parla di svariati milioni.
E la pressione è comprensibilmente elevata.

Sono con una caterva di files aperti davanti che stanno mandando in pappa tanto il mio cervello quanto la CPU.
Per capirci, sono i famosi 74 files che hanno generato il seguente tweet mentre ci stavo lavorando:
Settantaquattro files Excel in fila per sei col resto di due, crashavano compatti in fila per sei col resto di due
Ben più di una volta, con relativo e doveroso corollario di invocazioni.

Durante un momento in cui sembra che tutto funzioni e sono concentrato a capire l'origine di alcuni " squadri ", mi sento chiamare da CollegaRomana dall'altra parte della stanza.
CR: " V che cosa viene dopo la W? "
V: " ??? "
CR: " Dopo la W? "
V: " ... la X? "
CR: " Ah già, non la J! Ecco perché non tornavano le formule "

Fortuna che non ho azioni della società per cui lavoro...

Passano si è no due ore.
CR: " V che cosa viene dopo la W? "
VB: Ancora? Non è cambiato, l'alfabeto!
V: " ... "
CR: " Daiiiii! Dopo la W? "
V: " Le elementari, CR! "

Poi si è decisa a leggere le intestazioni delle colonne da Excel.

giovedì 13 settembre 2012

Matrimonio nell'Ade /2

Continua la felice storia del matrimonio a 40 °C

Siamo in chiesa, e colgo l'occasione per sfatare il mito che " le chiese di una volta sono fresche ".
Un cazzo. No.
Sono maledetti forni e funzionano allo stesso modo!
Fornisci il calore, gli impedisci di uscire, cuoci il contenuto.

La mia speranza di appostarmi vicino all'ingresso per catturare ogni minimo refolo d'aria come fosse un Pokemon raro viene annientata.
Siamo della famigghia, quindi seconda fila.

Do l'esempio a tutti di come usare il libretto delle preghiere per farsi vento, guardando malissimo #FMS quando mi blocca per indicarmi quale stronzata dovevo cantare.
Ringhio brevemente, lui torna al grazie signore grazie o similare.
AM, travestita da Megan Fox, fa una delle letture in cui ripete per 40 volte " dio " in 15 righe.
[ Si c'è il video. In HD. Ma non c'è Megan Fox quindi non accalcatevi ]

Durante la mia personale liturgia di insulti verso la religione, mi rendo conto che qualcosa non torna.
Entrambi i piedi mi fanno decisamente male.
Er.. Strano. Scarpe nuove, certo, ma le ho provate per bene ed erano perfette.
Mah.

Passano i minuti ed il dolore cresce.
Smetto di pensare ad altro e guardo con astio il maledetto stuprabambini che non si decide a chiudere questa farsa.
In ogni caso, una volta finito il tutto dobbiamo attendere che escano gli sposi, tirargli le monete da 5 lire [ ma che cazz...! ] e poi salutare + scambiare chiacchere con tutti e ribadisco tutti i presenti.
Che saranno stati duecento.
Sotto il sole di mezzogiorno.
Del giorno più caldo in assoluto.
Vestito in giacca e cravatta.
Facciamo che andate tutti a fare in qulo e vado sotto l'unico albero, lontano dalla chiesa.
Se mi cercate sono quello che mostra il medio.

Dopo mezz'ora buona AM decide di riferirmi che ha il mio stesso problema di scarpe e non riesce a stare in piedi.
V: " Da quanto tempo? "
AM: " Un'ora "
V: " E me lo dici adesso? "
AM: " Che facevo, me ne andavo? "
V: " Non è il tuo matrimonio! C'è tutta la famiglia lì in mezzo, se la smazzino loro! "
Seguono insulti sul fatto che sono un cinico senza sentimenti e che avrei potuto rimanermene a casa.
Eh no, dovevi dirmelo alle 8.30!

Dopo una luuuunga scarpinata riesco a recuperare le chiavi di casa [ che AM non aveva ] e rientrare.
Esito: siamo devastati.
Semplicemente, le scarpe erano perfette ma col caldo si sono gonfiati gli zamponi.
Metto cerotti ovunque tipo Zio Tibia e andiamo al pranzo.

Nota per i non meridionali: in Puglia, sono tipiche le " sale ricevimento ".
Cosa sono?
Beh, solitamente vecchie masserie rimesse a nuovo e adibite a ristorante con qualche camera da letto.
Nulla di strano se non fosse che un pranzo lo fanno pagare quanto un ristorante stellato.
Neanche a dirlo, ogni posto dove mangiare nella zona ha la caratteristica del " basso prezzo, cibo buono e abbondante ".
Ma per tradizione ogni stramaledetto matrimonio si fa nelle sale.
Perché altrimenti le vecchie zie parlano male, e la nonna ci tiene tanto...
Voi siete malati.

Arriviamo a destinazione e ci accomodiamo per l'aperitivo.
All'aperto.
A 40 °C
Con alberi giovani, quindi con chiome dal diametro di un metro.
V: " Dove cazzo sta l'ombra? "
AM: " Sempre a lamentarti! "
V: " Scusa. Dove porco cazzo sta la mia ombra? "
Aggiungiamo che per avere un bicchiere d'acqua occorreva alzarsi, attraversare 50 metri di deserto con scale e fare la fila.
Per l'acqua.

Foto di rito con gli sposi, evviva, il mio cuore è cresciuto di tre taglie.
Solo per dire che siamo i penultimi su un milione ed ormai mi mancavano due patate in bocca ed una carota nel qulo per una perfetta cottura.
I piedi ormai cercavano di fare l'effetto Hulk e sfondare le scarpe.
[ Seriamente, fossi stato Bruce Banner avrei indossato solo espadrillas ]

Una volta dentro mi concedo al dolce quanto tardivo abbraccio dell'aria condizionata.

Ci sarebbero molte cose da raccontare a questo punto ma per sommi capi:
- soliti balli singoli e di gruppo, a mezzo metro dal nostro tavolo ed in particolare da me
- gli amicissimi dello sposo mezzi sbronzi prima ancora di cominciare, che non si ricordano gli scherzi da fargli
- un paio di piatti che sembrano destinati a dei lungodegenti [ patate e carote al vapore? E non quelle della foto... ]
- lo sposo che non vuole baciare la sposa
- certa gente per vestirsi si lancia nell'armadio e come esce esce

Merita un post a parte la storia di " Valeren, il poeta ".

A metà pranzo decido che lo stile può seriamente abdicare, e con la morte nel cuore cambio scarpe per metterne un paio da ginnastica.
Tolgo anche la cravatta perché altrimenti sarei stato un clown.
Segnalo che a distanza di due settimane le ferite ancora non sono guarite.
Julia, help!

Continuiamo a ingrassare, poi buffet dei dolci all'aperto col sole quasi tramontato ed una temperatura più umana - ma sempre sopra i 30 °C
Più essiccato che disidratato, voglio solo una cosa: tornare a casa, farmi una doccia e dormire.
AM la pensa come me ed infatti si getta sulla pista a ballare, ovviamente a piedi nudi come le altre scatenate.
Qualche minuto dopo apre l'open bar ed io mi diletto col santo S2 che tanto la cosa va per le lunghe.
Neanche a dirlo, quando vado IO al bancone non c'è il barista.
Due bambine guardano prima me, poi la bottiglia di coca, poi me, poi...
V: " Volete da bere? "
Bimba 1 & 2: " Siiiiiiiiiiii "
V: " Coca? "
B1 & 2: " SIIIIIIIIIIIIIII! "
V: " Però dobbiamo aspettare il barista "
B1: " Sono dieci minuti che quel $testicolo non c'è, abbiamo sete "
V: " Afferrato "
Verso da bere a loro, sto per passare a me ed in quel momento torna il barman che mi guarda male.
V, sempre versandomi da bere: " Fidati, tu non avresti voluto parlare direttamente con loro "

Chiude l'open bar, se ne va anche il DJ e dopo una buona mezz'ora riusciamo a salutare tutti i superstiti.
Avete presente quelle serate in cui, quando te ne vai, hai il sorriso ebete sulla labbra e ripeti " Quanto mi sono divertito "?
Ecco. L'opposto.
Tiravo per andare via come un rottweiler in calore.

Il giorno dopo?
Ero sdraiato pancia a terra col portatile, di domenica, per una consegna lavorativa.
Ma è un'altra storia, ed un'altra sequenza di imprecazioni.