giovedì 4 ottobre 2012

Suicida wannabe

NOTA: ho modificato l'ordine dei post in modo da far uscire subito questo.
Quanto sto per raccontare è successo due giorni prima della data di pubblicazione.

Torno a casa dall'ufficio e, dopo aver salutato AM + nonna_AM mi rendo conto che manca qualcosa.
Qualcuno.
Dove sta la mia gatta?
Di solito fa da " comitato di benvenuto " anche se 9/10 addormentata.
La trovo sul letto, acciambellata e sveglia.
Due coccole e via.

Sera, ora di cena.
Mi guardo intorno e della felina nessuna traccia.
V: " Ma la gatta? "
AM: " E' in camera da letto "
V: " Ancora? "
AM: " Eh si. Oggi si è spaventata "
V: " Quella si lancia contro cani e persone... Cosa l'avrebbe spaventata? "
AM: " Hanno tirato dei petardi, era in balcone ed è scappata "
V: " Chi tira dei petardi a ottobre? "

Da notare due cose:
1) Fuori, già quando ero rientrato, c'erano solo bimbi piccoli - più o meno 7-8 anni - circondati da mamme e nonne.
Impossibile che fosse stato uno di loro.
2) Era già successo pochi mesi prima, quando mi affacciai non vidi nessuno.
Persino un mezzo rintronato come Errore uscì in balcone [ 15 secondi dopo ] dando dell'idiota a chi fosse stato.

Finiamo di cenare e ci mettiamo sul divano a guardare la TV.
Ad un certo punto BOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOM!
Vicino. Fottutamente vicino.

Forse non l'ho mai scritto ma ho dei riflessi spaventosi.
Due secondi dopo sono in balcone e vedo qualcosa di stranissimo.
Una nuvola grigia molto densa, tipica di un petardo, ma esattamente sui gradini del mio condominio.
In cortile nessuno.
E la porta di ingresso si chiude.

Bravo. Bravo davvero.
Tiri un raudo sulle scale di casa e rientri?
E dove speri di andare, ora?
Altri due secondi e sono sul pianerottolo incazzato come una faina.
E sono al primo piano, quindi chiamo l'ascensore.
Dovunque tu voglia andare, beh, ci sono prima io.

Sento i passi di corsa sui gradini e una frase mi lascia basito.
X: " No mamma, ma tu credi che possa aver fatto qualcosa del genere? "
Oh povero piccino, si aspettava mammina col volto corrucciato?
Un cazzo.

Arriva e mi rendo conto che è il figlio dei miei dirimpettai, un cosino magro e scemo.
Che per mezzo secondo sembra non cogliere quanto sta accadendo.
In particolare, non capisce perché davanti a lui ci fosse un volto noto - giuro ero identico.

Scatto in avanti e mi porto a 15 centimetri dal suo naso.
Cambio tono di voce e passo ad un più adatto growl.

V: " Te lo dico chiaro e semplice: tu non lo fai più "
X: " io "
V: " Tu non lo fai più. Punto. "
Notare l'assenza di punti interrogativi.

Se n'è entrato a casa tremando.
Penso non abbia dormito.

Rientro, torno sul divano, vedo AM preoccupata mentre nonna_AM sogghigna.
V: " Gli è andata ancora bene. Se avesse incontrato mio padre, starebbe ancora a prendere cazzotti sui denti "

Intanto mi scarico i moduli per revocare l'obiezione di coscienza.
Vedo una raccomandata in partenza nei prossimi giorni.

40 commenti:

  1. Hai fatto benissimo.
    Perchè poi crescono, e diventano come il patacca (l'ormai celebre DinamiTardo) che abita nel mio di condominio... =__=
    E dopo son casi irrecuperabili.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se i genitori non sono capaci di educare, se la scuola fallisce, se la chiesa pensa solo al kamasutra...
      Beh.
      Allora ci penso io.
      Lasciate che vengano a me, ho una collina di spranghe e non ho paura di usarle!

      Elimina
  2. Io, dopo aver insultato lui, sarei andato anche dei genitori. Probabilmente sanno di avere un figlio coglione, ma vorrei essere sicura. E una bella raccomandata all'amministratore di condominio, per far cazziare pubblicamente i suddetti genitori.
    Poi si stupiscono che io abbia l'istinto materno di Erode...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aspetto di farlo tra una settimana, quando sarò accompagnato da un carabiniere :)

      Elimina
  3. Prevenire è meglio che curare. Un microsecondo dopo aver cazziato il bambino, precedendolo su per le scale con una mazza da baseball in mano, io mi sarei presentato a suo padre dicendogli: Ho appena ficcato un cazziatone a tuo figlio che fa esplodere i raudi nell'androne qui sotto; o la pianta definitivamente o io vengo a spaccare la testa a te. Due microsecondi sono troppi: il padre ha già avuto il tempo di andarsi a prendere il cric e venire a minacciare te per aver cazziato il suo prezioso figliolo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da casa loro non è uscito nessuno.
      Io urlavo, loro dovevano sapere benissimo cosa stava succedendo, e non hanno neanche aperto la porta.

      Credo che il padre - un incrocio tra una lumaca ed un mollusco - fosse solo contento che qualcuno stesse facendo il lavoro al posto suo.
      E al massimo usciva con un righello in mano...

      Elimina
    2. Domanda : spiegare al genitore di cui sopra che se ci sono denunce (credo anche solo in sede civile da parte del condominio per eventuali risarcimenti dei danni causati dal raudato) ne risponde lui in quanto il figlio è minorenne era fuori questione come ipotesi ?

      Elimina
    3. Totalmente fuori questione!
      1) La giustizia impiega anni e anni, io non ho tempo da perdere
      2) Faccio prima a presentarmi direttamente col carabiniere, o a mandarlo " a parlargli " e basta
      3) Ci vuole ancora meno a notificargli che, per ogni X causato da suo figlio, lui ne risponde fisicamente

      Elimina
  4. Uh, mi ricorda il bimbetto che mi spruzzò la schiuma da barba alla fermata del bus, a carnevale...stavo per andare a lezione, ma dovetti tornare a casa perchè ero proprio uno schifo.Erano tre. I due vigliacchi, quelli più grandi, se la dettero a gambe, lasciando il più piccolo a prendersi il cazziatone. Si stava quasi mettendo a piangere.

    Ma te la posso dire una cosa? Se somigliavi a Manson eri proprio brutto!!! :S

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ero bellissimo :S
      Sopratutto, ero perfetto per la parte!

      Io so per certo che lui era da solo - per via dei passi.
      In caso contrario lo appendevo finché non mi diceva i nomi.
      Poi gli mettevo il guinzaglio ed andavamo dai soci.

      Elimina
  5. Hai fatto bene! Io abito al settimo piano, e PER FORTUNA non mi posso succedere simili episodi. Però penso che la reazione sarebbe stata più o meno come la tua :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se hai tempismo, dal settimo piano puoi sempre lanciargli una mela.
      Anche a mancarlo, dovrebbe venirgli un colpo non indifferente.

      Elimina
  6. Successa a me cosa analoga, alcuni anni fa: il nipotino scemo della mia vicina di casa, fanatico dinamitardo.
    Mi ha beccato mentre stavo preparando qualcosa per la cena (aka stavo facendo il macellaio) nella stanzetta accanto alla porta di casa, che ho quindi aperto un decimo di secondo dopo l'esplosione, uscendo fuori col mio faccino simpaticissimo orrendamente deformato da una espressione assassina, con il grembiule macchiato di sangue fresco e un coltellaccio sgocciolante rossi liquidi in mano...
    Non ti dico le urla del "coso", che ancora adesso, a distanza di alcuni anni, non si azzarda piu' ad avvicinarsi alla porta di casa mia (peraltro ho risolto anche il problema del misterioso rovinatore di piante in vaso, ora che ci penso...)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E ti credo che se l'è fatta sotto! :-D Anch'io ho la mia indola dinamitarda, però ho la cortesia di farlo solo a capodanno e in luoghi possibilmente distanti dalle abitazioni.

      Elimina
    2. " TU! VIENI QUI! Mi serve un antipasto extra e sarai perfetto "!

      Aggiungo anche che il microminchiolo sa benissimo che in casa mia ci sono armi...

      Elimina
  7. ImpiegataSclerata4 ottobre 2012 19:33

    Io ancora non ho capito adesso, a distanza di anni, cosa passasse in testa a 2 bambinetti scemi quando cercarono di centrami la testa a sputi mentre camminavo beatamente per i cavoli miei. Cioè sti due erano su un poggiolo del 1° piano, nascondendosi pure male, non ci sono altri idioti in vista e non pensavano che fossi in grado (io o chiunque altro, beninteso) di trovare la porta di casa giusta per far presente al deficiente adulto di casa che li lasciava fare (perchè altrimenti impegnato) come stavano passando il tempo i pargoli? Devono solo ringraziare il Signore che protegge i bambini deficienti che non mi hanno centrata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, senti, uno potrà anche quardarsi le sue soap in pace?
      I bambini giochino in balcone - tanto, che potranno fare gli angioletti?

      Elimina
    2. ImpiegataSclerata5 ottobre 2012 10:42

      Che facesse l'adulto (anagraficamente parlando) maschio mentre i 2 mocciosi si sporgevano dal poggiolo col rischio di seguire gli sputi non mi è chiaro.

      Elimina
    3. Guardava i culi delle ragazze su studio aperto [ non è minuscolo: di meno ]

      Elimina
    4. Non è che i due bimbetti sono stati rovinati da Beavis & Butthead ? Ricordo un videogioco di meta '90 nel quale nei panni appunto di Beavis & Butthead si dovevano centrare dal tetto della scuola gli ignari passanti con lo sputo

      Elimina
    5. ImpiegataSclerata5 ottobre 2012 16:29

      @Valeren
      Dall'espressione beota che aveva (il che lo qualificava come fratello maggiore, penso) no, non sembrava abbastanza intelligente per fare qualcosa di così normale come guardare culi. Probabilmente era in camera sua tutto impegnato a darsi martellate sugli alluci per divertimento.


      @Rigongia
      Per loro fortuna (perchè ora sono più cattiva) è successo una ventina di anni fa. Mi sa che Beavis & Butthead non esistevano ancora a quel tempo.

      Elimina
    6. Ho cercato su wikipedia e B&B è proprio di 20 anni fa esatti - 1992 :)

      Elimina
  8. Per una volta mi delurko per dire che:
    1) Hai fatto benissimo. Io, appena avessi calmato l'iperreazione dell'adrenalina (ovvero appena qualcuno mi avesse staccata dal soffitto...) mi sarei precipitata a casa dei suddetti idioti (bambino e genitori, perché il frutto non cade mai troppo lontano dall'albero) ed avrei cominciato a minacciarli pesantemente finché i supposti responsabili del pargolo non lo avessero appeso fuori dalla finestra per le orecchie. Con un fuoco sotto. In cui magari avrei potuto buttare qualche petardo, tanto per fargli apprezzare meglio la cosa.
    2) Povera tesoro di micia!!!!! Coccolala un po' anche da parte mia, e promettile che il prossimo petardo che lancia quel tipo, gli fai ficcare in bocca tutta la scatola e poi li accendi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uuuh, allora esistete anche voi lurker :)
      E ballate pure!

      1) Paradossalmente, la madre è simpatica + sveglia + NON rimpicoglioni.
      Il padre mah. Credo che stia fuori di casa fino a cena e poi a dormire.
      Forse, e ripeto forse, è consapevole di avere due figli.
      Tanto settimana prossima incrocerò la madre, prima o poi, e quattro chiacchere sul pianerottolo le faremo.

      2) Coccolata in quantità industriale!
      Però non posso prometterlo: io ho il terrore dei petardi.
      Diciamo che dovrò sopperire con la creatività e... Uhm... Il piccolo chimico?

      Elimina
    2. Eh, sì, capita ;)
      E sì, volendo balliamo... o meglio, danziamo ^^ (rimando all'etimo di "ballo" per capire la differenza)

      1) Se così è, allora il marmocchio non ha preso da lei... il che non gioca a favore del padre...

      2) Capisco. Anche io odio i petardi. Non ho mai potuto mettere mano sul Piccolo Chimico (i miei erano talmente terrorizzati da cosa potessi combinare che neanche al liceo mi hanno mai permesso di prendermi un coltellino svizzero... O___o), in compenso potrei procurarti solfato di rame e cinabro. A prte il fascino del mondo dei minerali, sono un bel tocco di grazia per una fine non troppo rapida (calcolare bene le dosi) e assolutamente non indolore.

      Elimina
    3. Avvelenamento da mercurio?

      Elimina
    4. Anche il rame non è male... credo sia la combinazione rame-zolfo e mercurio-zolfo a creare il tocco di classe, comunque.
      Poi, i cristalli di solfato di rame sono semplicemente stupendi, e che il cinabro sia stato usato da millenni come pigmento non è un caso.

      Elimina
    5. Io obbligherei gli idioti a fare i cristalli di rame con ammoniaca e candeggina.
      [ Hint: non fa bene alla salute ]

      Elimina
  9. I figli dei vicini sono sempre un fottuto disturbo. E hai fatto benissimo a prenderlo e a fargli tremare le mutande.
    Però io continuo a promuovere il controllo a tappeto delle nascite è_é

    L8D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' uno dei punti principali del mio programma.
      Prevede corsi di formazione sull'educazione sessuale e un test obbligatorio sia per l'idoneità a copulare che uno per avere figli.

      Le sanzioni per chi infrange saranno definitive.
      Nel senso che torneranno a casa con i propri genitali in un sacchetto.

      Elimina
  10. Perchè, perchè, perchè, perchèèèè fanno queste cose?
    Perchè la gente ha il cervello piccolo-piccolo-piccolo? Perchè non sanno educare i propri figli?
    Ma, a monte: perchè si riproducono?

    Questo comunque è l'atteggiamento che dovrei adottare anche io nei confronti dei miei vicini che mi vogliono avvelenare i gatti (anche se dopo quella volta che gli ho urlato contro non hanno più osato dirmi niente xD).

    Comunque sei meglio di Maria Montessori, sticazzi! *_*

    RispondiElimina
  11. ImpiegataSclerata5 ottobre 2012 16:46

    Una volta i genitori educavano, adesso non più, adesso delegano alla scuola MA, la scuola non si deve permettere di "bistrattare" i poveri ragazzi.
    Esempi di bistrattamento assurti all'onore delle cronache negli anni passati?

    Maestra da come castigno al pupo bullo lo scrivere 100 volte "non devo fare il bullo" si è vista piombare addosso una causa civile sul groppone (della scuola quindi della collettività) perchè il suddetto pupo (BULLO) c'aveva i traumi e in cosneguenza doveva essere mandato a scuola privata, poverino.

    Oppure la maestra che ha scritto una nota sul diario e il giorno dopo si è vista piombare in classe madre e parenti in spedizione punitiva che volevano legnarla, si è dovuta chiudere in bagno e hanno dovuto chiamare la polizia.

    Oppure professoressa ha trovato la studentessa a fumare, le ha detto di non farlo e quella ha picchiato la professoressa. Il giorno dopo viene convocata la madre della studentessa e quella ha picchiato la Preside

    Ma come si fa ad arrivare a sti punti?
    Hanno bloccato ogni tentativo di educazione e di dare regole a suon di denunce.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Valeren, muoviti con questa conquista del mondo che qui va tutto a catafascio ! :) Seriamente, concordo con te ImpiegataSclerata. Ai miei tempi (oddio, ho 31 anni e parlo come se ne avessi 90 :P) se tornavi a casa con castigo e/o nota sul diario ci stava anche prendere qualche sano schiaffone dai genitori, adesso la professione dell' insegnamento è diventata una di quelle vietate de facto ...

      Elimina
    2. ImpiegataSclerata6 ottobre 2012 13:31

      Purtroppo è vero. Nella mia gioventù mi è capitato una volta sola di fare da baby sitter a bambina deliziosa con genitori che la educavano come andrebbero educati tutti i bambini di questo mondo e che purtroppo ora sono ridotti ad essere l'eccezione che conferma la regola. E mi avevano pure dato via libera per essere severa con tanto di pacchetta sul popo' se non si comportava bene.
      Ora vado in giro, sono pendolare, e quando mi guardo intorno....
      Valeren, salvaci tu.

      Elimina
    3. Posso consolarvi dicendovi che questo è ampiamente parte del programma?
      I genitori saranno responsabili di ogni atto commesso dai figli minorenni, e ne pagheranno le dirette conseguenze come se l'avessero commesso loro.
      Con l'aggiunta di un extra per evidente incapacità formativa.

      Se si ribellano... Party time!

      Elimina
  12. Ogni giorno che passa sono sempre più contrario alla procreazione umana.

    Comunque la scena sul pianerottolo dev'essere stata bella.. avrei fatto lo stesso, e quando sono incazzato urlo a pieni polmoni, tutto il condominio sarebbe stato deliziato da feroci insulti, prelibate bestemmie e minacce di fantasiose torture.

    Anche io ho una gatta, in questa situazione si sarebbe traumatizzata... mando una bella dose di spupazzamenti alla tua.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fammi una registrazione, sai mai che la utilizzi la prossima volta o ne tragga spunti.




      Chi voglio prendere in giro?
      La prossima volta, la butto giù dalle scale e basta.

      Elimina
  13. Il tuo comportamento è stato impeccabile. No niente insulti nè minacce, saresti o passaresti dalla parte del torto. In questi casi, si va dritti al pronto soccorso e ci si fa dare dei giorni chessò perchè non ci senti più da un'orecchio perchè il petardo di è esploso vicino.

    Scatta la denuncia automatica e son costretti a procedere d'ufficio.

    Allora si che poi son cicci amari per i genitori. Molto amari, soprattutto se la pratica vien presa in mano dal/la PM di turno con giramenti mattutini.




    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non hai avuto una brutta idea, sai?
      Neanche ci avevo pensato - l'unica cosa razionale nel mio cervello era " Non fonderlo con la parete a calci nelle palle ".

      Sarebbe anche stato facile fare la scena dell'ospedale: a casa c'era la nonna di AM, che come tutti gli anziani prende dodicimila pillole ed ha patologie ovunque.
      Sarebbe anche venuto fuori un bell'articolo per il quotidiano di zona.

      Elimina
    2. L'idea della nonna di AM è una bella trovata, però non va oltre le due o tre settimane (non La nonna, la storia in se). Preferibile, tu al pronto soccorso con una sordità momentanea e poi, dopo due o tre settimane una visita perchè senti continualemnte un fischio, altre due settimane ancora fischio più vertigini, e avanti avanti di 2 settimane alla volta. I certificati si accumulano, magari riesci pure ad avere qualche grado di invalidità, che non fa mai male. Non so se basteranno 20 o 30 anni di quinto dello stipendio di mamma e papà per pagarti i danni eh.

      Elimina