mercoledì 12 ottobre 2011

Torce e forconi /2

[ Prosegue da qui ]

I punti dal 4 in poi credo che possano venire in mente a tutti.
Criminalità, trasporti, ambiente, turismo...
Il problema sarebbe limitarsi a 10

Quello di cui mi stupisco è di come nessuno, inteso " popolo bue ", faccia qualcosa.
Senza far esplodere bombe. Giusto far vedere di esserci.
Però le manifestazioni politiche, anche se questi cambiano nome & simbolo ogni volta, sono stracolme.
Capisco che l'ideologia politica sia spesso più simile alla fede calcistica o religiosa, quindi ci si considera " giusti e migliori " a prescindere e agli altri si tira merda, ma dopo anni di sfruttamento ci si dovrebbe svegliare.
Posso credere che nella massa i creduloni / idioti / babbazzi siano un po', ma non tutti.
E mi riferisco a tutte le fazioni politiche in essere, sindacati compresi.

Conosco già una risposta nella mente e sulle dita di molti: Grillo.
Per quanto condivida molte delle sue idee [ guarda caso basate sul buon senso ] ed abbia firmato per tutti i referendum, gli manca una cosa.
La capacità di imporsi in silenzio.
E' un urlatore e trascinatore da spavento, ha ragione su molte cose ma non potrebbe tenere in mano un governo.
Certe volte non devi urlare ma tacere -e agire.
Immagino sia per questo che non si candidi in prima persona. E' sveglio e disincantato.

E quindi?
Che si fa?

Dipendesse da me, vedi titolo: torce e forconi e li si caccia a scarpate.
Senza troppe storie: disubbedienza civile totale e presa di potere.
Non è che questo blog si chiami " Dictator wannabe " per caso: è esattamente quello che vorrei fare.
Poter convincere la gente a lasciare agire me - che tanto se votano berlusconi per tre volte non capiscono comunque un cazzo di quello che gli avviene intorno - per provare a far qualcosa.
[ Si, la defenestrazione fisica dei politicanti attuali è parte del programma. Si accettano defenestratori volontari ].

Mi servono solo un paio di televisioni e il lavoro è fatto.
O tante persone che mi appoggino. Più facile la prima.

P.S.: pensate di avere le doti? Credete di essere meglio di me?
No problem: sono anche disposto a supportarvi. Ma fatevi avanti!

15 commenti:

  1. utente anonimo12 ottobre 2011 10:40

    Per la defenestrazione, hai in me un sicuro volontario.
    ma non vorrei limitarmi a questo - solo che se scrivo bene bene cosa vorrei fare "di pancia" a questa classe politica mi trovo in casa la Digos ed il reparto "cura della rabbia repressa" dell'ospedale psichiatrico di turno.

    Una parola su Grillo, che, in questa vuotezza pneumatica della politica sembra un mezzo genio. invece non capisce un cazzo.
    per l'amor di dio, è simpatico, trascinante, e certe cose le prende... però non è difficile, perchè sono talmente evidenti che anche i pali della luce ormai sanno che basta eliminare gli sprechi, ridurre i costi della politica, far pagare le tasse a tutti e magari ridurre un filo la pressione fiscale per fare un buon lavoro.

    però poi mi cade quando si parla di proporre le cose giuste nel posto giusto. Un esempio. Nella campagna elettorale per le regionali, tra i punti di programma c'era l'abolizione delle province.
    Bello. mi piace. approvo. peccato che chi deve decidere è il governo centrale ed i governatori regionali non c'entrano una beata fava e quindi questa "promessa elettorale" non è attuabile - quindi che cazzo me la metti sul programma, Beppe?

    infine un commento sul "farsi avanti".
    è quasi un decennio che ci penso. Ho scritto le mie idee (su un forum ormai chiuso e depublicato... anzi, due forum), ho parlato, discusso, etc.
    risultato 1: tutti hanno la verità in tasca e piuttosto che ammettere che l'idea altrui è almeno vicina alla propria si fanno scannare. Siamo in un paese in cui le pagliuzze costano ma le travi no.
    risultato 2: visibilità. Zero. poche decine / centinaia di persone che dicono la propria. poche migliaia che leggono.
    come fa uno contro 6 TV e tutto il resto?
    tocca allearsi. con chi? il PM Analfabeta? i Veterocomunisti che si sono dimenticati il secolo in cui vivono? i CattoCentristi Veltroniani che inquinano il PD? od un altro dei 279 partiti che inquinano l'italia ed in cui sono sicuro che mi troverei stretto? - NDR: nota stramaledettamente molto bene: non trovi nella lista mezza politica italia perchè prendere anche solo in esame l'idea mi costringe all'uso di antiemetici.

    quindi, mio caro dittatore, che cazzo facciamo?
    perchè io ci sono.

    Seamus

    RispondiElimina
  2. Avevo scritto un commento anche per il post precedente ma non lo prendeva.

    Ti dico subito che hai il mio appoggio, ultimamente quando sento le notizie di politica alla radio o al tg mi viene subito da pensare come mai non ci siamo ancora organizzati "con torce e forconi" e non abbiamo fatto irruzione in parlamento a sbatterli fuori a calci nel culo.
    In giro dicono tutti che la gente è stanca della situazione, ma evidentemente non è stanca abbastanza da tirare fuori i coglioni.

    Conoscendo gli italiani, una volta spazzato via tutto ci resterebbe solo una grandissima ed ingestibile anarchia all'italiana, invece che un'organizzazione per l'elezione di nuovi rappresentanti giovani e con delle idee serie e concrete.

    Certo è che se ti proponi per andare a tirarli fuori uno per uno dal parlamento a calci (o con defenestramento, sono aperta a molte possibilità), hai il mio incondizionato appoggio :D

    RispondiElimina
  3. @ Seamus
    Circa due anni fa, parlavo con i miei amici del fatto che la gente si stava stancando - in pieno fenomeno Grillo.
    Facevo però presente che le esigenze erano particolari: serviva una guida diversa da quelle disponibili.
    Metti un " Francone ": grande e grosso, con una spranga, col motto " Seguitemi e lasciate che i problemi se la vedano con me ".
    O un intellettuale.
    O il vicino di casa.
    In tutti i casi, non doveva esserci una volontà politica o di interessi personali.
    Bisognava che fosse volontario, con l'unico obiettivo di distruggere ( o riparare ).
    Doveva farlo perché voleva - non per un'ideologia.

    Mi prendevano per pazzo e ora si sono convertiti.
    Tre o quattro settimane fa ho visto " Presa diretta ", dove intervistavano imprenditori di tutta italia.
    Erano accumunati dal chiedere una soluzione politica. Però non volevano vedere un attuale politico nemmeno per errore.
    Quando operai, impiegati ed imprenditori capiscono che la classe dirigente è autoreferenziale e dannosa, che succede?
    1) Tornano a guardare la TV sperando che " vada tutto a posto "
    2) Attendono una guida

    Per ora è 1 fisso, ma non può durare visto che la situazione peggiorerà ancora.
    Serve una guida? No, serve che la gente la segua.

    Per ora siamo io, te, Zoe, Erinny, mio padre e qualche amico. Una ventina.
    Tutti sicuri che la soluzione sia quella - ma che facciamo, un banchetto in Duomo?

    @ Erinny
    Er... Si, elezioni. Dopo un paio d'anni e regole ferree - nel senso che chi sgarra viene messo in catene.

    Purtroppo hai ragione: qui non si organizzano nemmeno le proteste via facebook, siamo gli unici al mondo!
    Io mi propongo: divulgate, se appoggiano in tanti...

    Aggiungo: si può scegliere il parlamentare da defenestrare - chi prima arriva, prima sceglie.

    RispondiElimina
  4. Io ci sono.
    Sì, il drammatico della gente è che non capisce un cazzo, vota berlusconi 3, 4, 5 volte, al limite si lamenta (perchè non so da te ma qui sembra che nessuno voti berlusconi) e poi però vota lega (yeah!). Inoltre succede di tutto e nessuno dice niente. Nessuno dice niente, cazzo, e nessuno fa niente. Boh.
    Grillo non mi piace, per niente. Molte cosa quendo lo sento parlare lo condivido, ma mi sembra tanto un 'armiamoci e partite'; uno di quelli che criticano e basta (a volte soltanto per fare polemica o spararla più grossa) e godono a "stare all'opposizione", per dir così. Mi sbaglierò, ma ne ho la netta impressione.

    RispondiElimina
  5. Ops, refusi: volevo dire, ovviamente, "Molte cose quando lo sento parlare le condivido"

    RispondiElimina
  6. Lega? Sto in Brianza, qui prende il 60& anche un tombino se lo dipingono di verde.
    Quanto a SB, sembra il duce: nessuno che dica di averlo votato, ma piazze piene e maggioranza dei voti.
    Se ti vergogni di dire per chi hai votato, allora ti tolgo il diritto di voto.

    RispondiElimina
  7. utente anonimo12 ottobre 2011 16:10

    @Valeren

    "Per ora siamo io, te, Zoe, Erinny, mio padre e qualche amico"

    io posso portarne la mia manciata di amici ma non credo cambi la questione...

    tuttavia un'idea ce l'ho... da anni. seria.
    ma che ha bisogno di tempi discretamente lunghi per attuarsi (non per difficoltà, ma per tempi che, credo, nessuno di noi ha...)

    si prepara un programma, serio.
    io le basi sull'economia le posso mettere (ma mancano tanti dati per fare un lavoro serio), l'organizzazione è parte del mio lavoro e 4 altre cagate ce le facciamo venire in mente.

    Poi si martella sui social network, si spedisce il programma a tutti i giornali, incluso Cioè, si fa viral marketing.

    vedi che il consenso lo troviamo.
    [Nota bene... il mio concetto di fare politica equivale ad una sveltina... veloce, efficace e ci si sfila un attimo prima di creare casini seri :-)
    la PRIMA due norme che metterei a programma sono:
    - SE non si raggiunge almeno il 75% (in peso, non in numero) dei punti del programma, NON ci si può ripresentare alle successive elezioni.
    - Massimo due mandati parlamentari e quattro mandati politici in generale (ad escusione della carica di sindaco): se uno vuole comunque ripresentarsi, sia chiaro che per essere eletto non servono il 50%+1 dei voti ma il 75%+1]

    MA: Problematiche non risolte:
    - raccolta informazioni necessarie per parlare di piani economici
    - tempo necessario per scrivere le cose per benino
    - trovare i giubbotti antiproiettile per evitare che ci facciano fuori (cosa che capita a chi dice cose troppo furbe senza urlare)
    - metodologie per evitare che ci fottano l'idea come se fosse un ministro...

    se qualcuno ha le soluzioni, si parte domattina.

    Seamus

    PS: ho pensato che NeancheGliDei può pensare all'inno del partito formando... :-) ...mi raccomando, che sia dodecafonico, scritto in latino medioevale e che possa essere usato da Gigi D'Agostino per un remix

    RispondiElimina
  8. utente anonimo12 ottobre 2011 19:49

    Io ci sto, sia x la defenestrazione che per il resto. Non ho un blog ma uso twitter (@jennyonthego) e, se serve, me lacavo in materia di creazione di loghi e immagine aziendale. Attendo istruzioni!
    J

    RispondiElimina
  9. utente anonimo12 ottobre 2011 20:19

    Un'aforisma nel post precedente, un'aforisma in questo (che siano entrambi di esponenti della DC e' un caso, ci tengo a precisarlo):
    "Votate chi vi promette di meno: avrete meno delusioni" - A. de Gasperi.

    Tra l'altro mi sta venendo in mente l'atmosfera evocata sia da "Quattro amici al bar" sia da una canzone in dialetto comasco che tradotta fa piu' o meno cosi':
    "...
    [che] andiamo a cambiare il mondo appena finiamo la sambuca!
    Apriamo la Gazzetta e cominciamo a bestemmiare
    "Spieghiamo a Trapattoni cosa deve fare!"
    ..."

    Sono d'accordo anche io sul fatto che la classe politica sia un po' tutta da rottamare (non posso fare a meno di citare Renzi, in questa discussione), ma riuscire a salire fino alla superficie del liquame dal quale attualmente siamo sommersi credo non sia esattamente una passeggiata.
    Per Trantor: a me sembra che la penultima parte di Fondazione Anno Zero sia estremamente simile alla situazione italiana... solo che non abbiamo un Terminus disponibile.

    Astro

    RispondiElimina
  10. Seamus: ma esatto :) cavolo, mi stai dando del materiale su cui lavorare che promette un sacco! Mi permetto solo di sostituire alla dodecafonia un po' di sane clausulae tardo medievali, ci vogliono ;)

    Astro: decisamente. Lo penso anch'io, una Trantor che si sta man mano sfaldando e rovinando, a partire (proprio e soprattutto) dalle piccole cose. E poi tutto mi ricorda il periodo delle guerre gotiche, nei primi secoli d.C., quando la deriva dell'impero e tutto il casino successivo si riflette nei manoscritti dell'Occidente, pieni di errori, refusi di ogni tipo, le parole vengono dimenticate e va tutto in vacca. Ecco, se mi passate la similitudine, è uguale.

    RispondiElimina
  11. @ Seamus
    Se c'è una cosa che manca, è il tempo.
    Due anni e ce la facciamo? Ottimo, tra due anni saremo finiti.
    Io ve lo anticipo: seconda ondata di crisi in arrivo.

    Per il programma si può lavorare.
    Il bilancio è un mistero - l'hanno falsificato talmente talto che si fa prima a presentare un foglio bianco e ricominciare.

    P.S.: sul giubbotto in kevlar non c'è da discutere.
    Bisognerà approntare un'area apposita per i cecchini, saranno decine.

    @ J
    Uno di più è solo benvenuto!
    Twitter non lo uso, ma di certo - e la storia recente lo insegna - è uno strumento più che fondamentale.
    Un logo? Torce e foconi incrociati :)

    @ Astro
    Risalire, secondo me, non è possibile.
    Bisogna aspirare i liquami e scaricarli parecchio lontano.
    Al momento - con le regole che hanno imposto, tipo la legge elettorale - non è possibile competere o proporre un'alternativa.
    Siamo credo l'unico stato in cui si vota dove non si può scegliere il proprio delegato.
    Nel fascismo c'era un solo nome, adesso neanche quello.
    E noi l'abbiamo accettato!

    @ Trantor
    Vai con l'inno, basta che non sia sullo stile " E Forza Valeren è tempo di credere "
    Cerca di non sfaldarti troppo...
    Ed io non canto!

    RispondiElimina
  12. Non credo che far politica sia la mia vocazione nè rientri nelle mie capacità, ad ogni modo. Fatti una chiacchera con Grillo, vedi mai che tu fai il braccio e lui la mente XD magari vi voto pure!

    RispondiElimina
  13. In effetti chi non legge Asimov immagino non abbia capito molto del mio commento (Trantor sarebbe la capitale dell'impero galattico). L'inno è già in lavorazione, e canteranno le masse, vai tra, tu devi solo fare il dittatore. E pensare ai rinfreschi.

    RispondiElimina
  14. @ ARM_
    Se sei onesto e ti è chiaro da quale parte va tenuto un lanciafiamme, sei benvenuto.

    " Tabula rasa " sarebbe il nome adatto per l'intero programma.
    No, scherzo. Potrebbe essere IL programma.

    @ Trantor
    E chi vi sfama???

    RispondiElimina
  15. Iddio adesso voglio sapere dove stai in brianza, magari siamo vicini di casa... :D

    Comunque vada per il banchetto in piazza Duomo e anche l'appello su Facebook, Twitter e chi più ne ha più ne metta! xD

    RispondiElimina