lunedì 17 ottobre 2011

Guerra alla Svizzera

Umani. Quanto li odio.
Specialmente quando decidono che si, è legale sparare ai gatti.
Per loro è una questione di ordine pubblico. Non i depositi di trafficanti di droga / organi / mafie varie, no. I gatti.

Riporto dal link al Corriere di cui sopra:
" il Bundesrat ritiene necessario lo «sfoltimento dei gatti randagi» sia perché mettono in pericolo costante uccelli, lepri e rettili, sia perché da «erranti» finiscono con l'accoppiarsi a gatti molto più selvatici di loro minacciando così, con possibili malattie, la sopravvivenza stessa della specie domestica. "

Ma dai?
Cacciano uccelli e rettili?
I gatti? Ed io che credevo che facessero l'agguato solo ai croccantini!

Alla fine non puoi aspettarti molto da una nazione che esporta soldati vestiti da clown.
Ed è il meglio che producono.

Volete la guerra? Arrivo.
Perché non dichiarare legale la " Caccia allo svizzero" ?
Alla fine i presupposti sono esattamente gli stessi.

Non è possibile l'ipotesi della sterilizzazione invece dell'abbattimento, un'operazione ritenuta troppo costosa oltre che difficile da realizzare vista la difficoltà di acciuffare gli svizzeri, animali sfuggenti per antonomasia quando in prossimità di banche.
E' anche stato notato come, una volta catturato un esemplare, sia impossibile eseguire l'evirazione in quanto non dotato di testicoli ( se geneticamente privo o depositati in cassetta di sicurezza, è ancora in discussione ).

Allora via con l'unica soluzione percorribile: la caccia allo «svizzero domestico inselvatichito» permessa tutto l'anno.

E' stato fatto notare che non esiste modo per distinguere lo svizzero inselvatichito da quello domestico, che magari sta andando a fare la spesa.
Giustissimo. Ed irrilevante.
In ogni caso quando fate fuoco gridate " Miao! ".

[ EDIT 20110902 ]
Erinny mi segnala che Paolo Attivissimo parla della questione qui.
L'ho letto e francamente cambia poco.
Esempi:

Già oggi, numerosi Cantoni ne consentono l'abbattimento solo agli organi di vigilanza competenti
L'ultima volta che ho controllato, numerosi <> tutti.
E se c'è anche un'eccezione, la concentrazione di idioti svizzeri idioti aumenta.

il Regolamento sulla caccia e la protezione dei mammiferi e degli uccelli selvatici dell'11 luglio 2006 [...] l'abbattimento di “cani e gatti randagi, nonché altri animali domestici inselvatichiti vaganti oltre trecento metri dai fabbricati abitati” è consentito “agli agenti della polizia della caccia”
Quindi tutto bene a patto che il mio gatto non si allontani a 301 metri dal confine cittadino.
E parliamo di una nazione che utilizza come confini le mucche.
Si può stimare quanti comuni in CH abbiano 300 metri come raggio?
Ma proviamo ad usare questo cervello coi buchi, cantonesi?
Se c'è una creatura che non puoi controllare è il gatto: tanto vale dipingergli un bersaglio addosso quando esce di casa!

nei cantoni dove le restrizioni sono minori lo possono fare tutti i cacciatori
Segue pistolotto sul fatto che non sia facile prendere il bravetto di caccia ( test: riconoscere una macchina da un umano? ) e che ci sia l'obbligo di far verificare quanto cacciato ( e qui anche un morto capirebbe che c'è un problema ).

23 commenti:

  1. Quanto vorrei che diventasse davvero legale! Proverei molta soddisfazione ad urlare "miao" mentre gli sparo :D

    RispondiElimina
  2. La stupidità umana è senza limiti e quotidianamente, ne abbiamo dimostrazione.

    RispondiElimina
  3. Se ti può consolare io con ogni probabilità darò il mio contributo (passivo, non attivo) all'estinzione della nostra specie.

    Che bestie. Neanche fossimo nel medioevo. La prossima legge svizzera sarà la caccia all'ilota, presumo.

    E poi: uccidere gatti (animali) per salvaguardare uccelli, lepri e rettili (animali). Vagamente razzista?

    RispondiElimina
  4. @ erinny, con solo un mese e mezzo di ritardo :p
    Garantito: mandami al potere, e diventa legge.
    Il " Miao! " sarà obbligatorio - altrimenti è razzismo.

    @ laila81
    Un piacere averti qui!
    E si, gli atti recenti di cui stiamo parlando entrambi lo dimostrano.
    Troppa, troppa, troppa imbecillità. SI deve rimediare.

    @ Trantor
    La nostra è una nobile causa - non è che l'Erode Fan Club possa avere tesserati con figli.

    Comunque i made in CH hanno impiegato secoli per stabilire che i gatti cacciano uccelli e rettili.
    Erano troppo presi a capire come spostare i soldi dei narcos e dei dittatori africani in modo che potessero essere puliti e utilizzabili - le armi e la droga non sono gratis.

    RispondiElimina
  5. utente anonimo18 ottobre 2011 15:33

    Da mezzosangue Rosso Crociato, ti dico che l'obbiettivo NON è abbattere i gatti, ma l'eliminazione sistematica del c@@@@@o alias quelli che sparano ai gatti. Il gatto Rossocrociato è più furbo ;-), credimi. L'ultima volta che ho visto che sparavano da un gatto, a momenti si ammazzano fra loro!!
    E il gatto ha fatto "tiè" con la zampina.

    Il problema poi sarà ripopolare  il "SVizerho" selvatico. :-)

    P.s.  e non chiedermi come si riconosce un Rossocrociato selvatico da uno domestico che  la cosa più semplice della vita. :-p

    RispondiElimina
  6. utente anonimo18 ottobre 2011 17:10

    @Valeren
    Fra tutte le motivazioni, hai proprio preso quelle meno condivisibili ("malattie", "pericolo costante uccelli, lepri e rettili", etc...)

    Nonostante vivano fianco a fianco da secoli, in seguito all'estensione delle aree insediative i gatti selvatici entrano più sovente in contatto con i gatti domestici in libertà e, in parte, anche inselvatichiti. L'incrocio di queste due specie (ibridazione) può far nascere degli esemplari(ibridi) capaci di procreare. L'ibridazione con il gatto domestico rischia di provocare lagraduale scomparsa genetica del gatto selvatico.
    Dal sito dell'ufficio federale dell'ambiente
    Ecco, questo È il motivo principale, che lo scribacchino di giornalista italiano non è stato in grado di spiegare

    Aggiungi anche Era già stato usato in passato come scusa. Razze, purezza, malattie... Davvero nessun campanello?
    C'è una cosa che si chiama biodiversità. Che non va difesa solo quando si parla di insetti in amazzonia, di tigri in India o del Dodo in Madagascar. Va difesa anche con il gatto selvatico europeo, in Europa.
    Se credi che biodiversità voglia dire "devono sopravvivere solo le specie che piacciono a me", allora è meglio che ti ristudi il suo significato.

    300 metri dall'ultimo residuo di umanità non mi sembrano esattamente pochi.
    Intendevi forse tanti ?

    Cl Fe

    RispondiElimina
  7. Il problema degli svizzeri è che volendo fare i NEUTRALI su tutto si sono ritrovati a non avere niente a cui pensare e si sono inventati questo genere di minchiate stratosferiche.

    Non oso immaginare il killer sotto forma di gatto che vive in casa mia che fine farebbe!!!!

    RispondiElimina
  8. @ Mezzosangue Rosso Crociato ( oddio -.- )
    Se volevi convincermi che di solito i cacciatori sono meno furbi, giochi facile :)
    Resto convinto che il gatto Rosso Crociato si riconosca dalla valigetta.

    @ Cl Fe
    Forse per te sono motivazioni secondarie.
    Se le dichiarano, per me sono tra le primarie. E sono idiozie.

    Rischiare di eliminare un animale domestico - perché non hai modo per distinguerlo da uno selvatico - per evitare un ibridazione?
    Dalle vostre parti il concetto di " evoluzione tramite incrocio " proprio non è arrivato?
    E davvero non esiste altro sistema che sparargli per preservare la " purezza " di una specie?

    P.S.: il dodo in Madagascar al massimo è arrivato via nave.
    Abitava poco lontano, ma Mauritius è tutta un'altra isola.
    Forse è meglio che ristudi da biologia a geografia.

    @ Isa
    Non so il mio gatto, ma io starei alla finestra a sparare ai cacciatori.
    Giusto per evitarne l'ibridazione con gli esseri umani.

    RispondiElimina
  9. utente anonimo19 ottobre 2011 14:34

    @Valeren
    Forse per te sono motivazioni secondarie.
    Se le dichiarano, per me sono tra le primarie. E sono idiozie.

    Infatti non ho detto "secondarie", ma proprio meno condivisibili. Se hai bisogno di mettere paroli forti come "idiota", "coglioni", etc... peggio per te.

    Dalle vostre parti il concetto di " evoluzione tramite incrocio " proprio non è arrivato?
    A casa tua non è arrivato il concetto che 3 specie sono meglio di due (scarse) ?

    E davvero non esiste altro sistema che sparargli per preservare la " purezza " di una specie?
    Sterilizzazione obbligatoria per gatti maschi E gatte femmine. Ma paghi te per la sterilizzazione di quelli rinselvatichiti ?

    Abitava poco lontano, ma Mauritius è tutta un'altra isola.
    Ho sbagliato, lo ammetto. Tu sei in grado di fare altrettanto ?

    Cl Fe

    RispondiElimina
  10. vabè in italia c'era l'usanza rappresentata dal detto "Febbraio gattaro", di cui Bigazzi porta la bandiera...io dico che finchè accidono i rettili mi sta più che bene (in svizzera preferiscono i rettili?), mi tengo i miei tre gatti da giardino cari cari..

    RispondiElimina
  11. utente anonimo25 ottobre 2011 00:26

    Allora la Svizzera è davvero un povero staterello senza soldi, qui in Italia le Ulss sterilizzano gratis i gatti randagi, e non sono mica domestici, li catturano con la gabbia trappola... Che l'Italia abbia più soldi della Svizzera? La voglio vedere...
    Ma veramente i gatti domestici si accoppiano con i selvatici? Sarà... A me sa tanto da Romania con i cani e gatti randagi, ma potrei sbagliarmi... Cmq non ci credo tanto che hai cinque gatti, io ne ho 14 e se mi parlano di sparare a un gatto la frase non la finiscono con tutti i denti in bocca, vedi tu.  Mi sa che fai parte di quei personaggi che non sterilizzano per "far vivere in pieno al gatto la sua sessualità..." Uahuahuahuah barzellettona! Fiona

    RispondiElimina
  12. Ciao Fiona,

    non sapevo della campagna di sterilizzazione delle ASL.
    A dimostrazione della fattibilità dell'opera.

    Hai perfettamente ragione: un proprietario di gatti non può accettare un discorso simile.
    A meno che non sia svizzero, eh!
    [ tanto questa gli svizzeri non la capiscono ]

    RispondiElimina
  13. utente anonimo25 ottobre 2011 14:15

    Che sappia io sono anni che lo fanno, forse non in tutta Italia, ma gran parte... Certo i gatti sterilizzati dalla Asl li riconosci lontano un miglio perché gli tagliano un pezzo di orecchio (apposta, se no rischierebbero di aprire tre volte gli stessi gatti) ma santo cielo, se in uno stato povero e derelitto come il nostro si può, loro perché no? 
    E io che ero così convinta che in Svizzera amassero gli animali...invece solo le mucche mannaggia  aloro... Va bè, tra amanti dei gatti almeno ci capiamo, chi non è con noi, che vada...(luogo a scelta e possibilmente molto brutto)!

    RispondiElimina
  14. Chi non è con noi può seguire i suoi denti - per inciso, glieli colpirei così forte che dovrebbero chiedere alla NASA di tracciarglieli mentre sono in orbita.

    Ho trovato il sottosegretario all'ambiente :)

    RispondiElimina
  15. utente anonimo25 ottobre 2011 19:39

    Grazie, e mi raccomando, tienimi in considerazione anche in caso Zaia non rivolesse il ministero dell'Agricoltura, ho già qualche idea interessante! :-)

    RispondiElimina
  16. utente anonimo7 novembre 2011 15:28

    In Italia la situazione non è poi tanto diversa. Solo che i nostri giornali fanno fatica a parlarne.
    Così colgo l'occasione per farmi un po' di pubblicità

    http://nonciclopedia.wikia.com/wiki/Caccia_(sport)

    Nelle note tutte storie vere...

    ARM_

    RispondiElimina
  17. Sarò cinico, ma ogni volta che sento che un cacciatore c'è rimasto secco io sorrido.
    Però è troppo poco. Dovrebbero spararsi addosso con più continuità.

    Non potremmo istruire delle persone perché si avvicinino ai doppiettisti e gli dicessero " Ma è quello il Beppe? Allora è lui che si faceva tua moglie l'anno scorso? Ah, scusa, credevo te l'avessero detto ormai... "

    RispondiElimina
  18. utente anonimo8 novembre 2011 16:14

    non funzionerebbe. fucilerebbero te.

    Il problema fondamentale di questi ambientalisti al piombo è l'arroganza, insieme a un potere politico enorme. Dalle mie parti regione e provincia sono nelle loro mani, e rappresentano si e no il 5% della popolazione.
    L'altra settimana durante un controllo dalle mie parti è  sequestrato un capanno. L'art 21 comme e della legge 157/92 pone il divieto di caccciare da meno di 50 metri dalle strade. Il cacciatore col capanno era a quattro metri e 80 centimetri. Voleva avere ragione.

    ARM_

    RispondiElimina
  19. Ok, finalmente qualcuno che ne sa qualcosa.

    I cacciatori hanno un peso politico enorme.
    Sei anche in grado di spiegarmi come mai?
    Io in anni non l'ho mai capito.
    Solo perché hanno dei fucili? Si rimedia.
    Tra l'altro sono una minoranza, quindi gli si ficca la doppietta ( carica ) nel sottocoda e li si sventola in corteo.

    RispondiElimina
  20. utente anonimo9 novembre 2011 01:43

    Il motivo è semplice, ma è lungo da spiegare.

    La caccia, ancora dai tempi di mussolini, era vista come "attività mascolina e bellicosa, da incoraggiare" tant'è che siamo il solo paese d'europa e forse del mondo a permettere a gente armata di violare la proprietà privata. art 15 legge 187/92 (attenzione, non il domicilio)

    i cacciatori sono molto compatti e uniti, quando si tratta di elezioni loro votano come un unico comparto, eleggono il rappresentante che gli da più libertà (a spese del resto della popolazione).
    Questo fa si che i voti dei cacciatori siano molto appetibili. sarà il 5%, ma è un 5% sicuro. Aggiungi l'indotto da armi e munizioni che finanzia questi candidati, e il gioco è fatto.

    In più il mondo politico è infestato di cacciatori, quindi non trovi un partito senza che abbia cacciatori al suo interno e ai suoi vertici, impedendo agli animalisti di fare carriera.

    Il mondo animalista e ambientalista non ha una simile compattezza.

    Aggiungi un menefreghismo generale dell'italiano medio e la frittata è fatta.

    Mi muovo con le guardie venatorie volontarie, quindi parlo di eventi visti con i miei occhi. Oggi la caccia è disprezzo non solo delle leggi, ma delle più elementari norme di sicurezza e di rispetto del prossimo, con la tolleranza (per non dire collusione) delle forze di polizia provinciale. Dalle mie parti il comandante della polizia provinciale era un cacciatore, come quasi tutti i sottoposti. Quando è andato in pensione è diventato presidente di una associazione di cacciatori.

    Qualche provincia più in la un partito politico ha organizzato una protesta contro gli uomini del NOA, perchè erano troppo fiscali nel far rispettare le regole contro il bracconaggio.

    L'unione europea ci ha multato di milioni di euro per la caccia in deroga, ma nonostante questo le giunte regionali approvano di nuovo delibere per attuare la caccia in deroga. Loro si divertono, e noi paghiamo.
    Addirittura so che l'anno scorso o quello prima, la giunta del veneto si riunì il sabato sera, dopo le nove, in un palazzo della protezione civile, al solo scopo di attuare d'urgenza una delibera per la caccia. Ad oggi in quella regione molta gente aspetta ancora che gli argini siano aggiustati definitivamente, perchè i fiumi li ruppero (qualcuno ricorda?)

    Quando scrivo sul giornale per raccontare episodi, le mie lettere vengono censurate o addolcite, se scrive un cacciatore la sua lettera viene pubblicata integralmente appena possibile o al massimo il giorno dopo. E lo so perchè abbiamo fatto la prova.

    Chi vuole intendere intenda.

    ARM_

    RispondiElimina
  21. utente anonimo9 novembre 2011 01:45

    Pardon, legge 157/92, non 187.
    Se puoi per favore correggi.

    ARM_

    RispondiElimina
  22. Purtroppo non posso correggere, quindi ribadisco: legge legge 157/92

    Quello che hai scritto è solo una ulteriore dimostrazione che la democrazia è sbagliata nel profondo.
    Quel 5% è innestato nella classe politica come una loggia - a tutti gli effetti lo è - quindi l'unica soluzione è ignorarlo e smembrarlo.
    E sono letterale.

    Grazie mille per il resoconto e per il lavoro che fai.
    Se dovessi per errore far fuori un bracconiere, chiamami per l'alibi.

    RispondiElimina
  23. Già che ci sono e ho notato una certa sensibilità all'argomento ti sfrutto per avere un altro po' di pubblicità. Se potessi metterlo in risalto te ne sarei grato, purtroppo l'alibi non potrei sfruttarlo, non ci capita mai di averne bisogno.

    http://www.faunalibera.it/

    L'abbiamo messo in piedi da poco, per ora è scarno, in futuro migliorerà.
    Se hai terreni, oppure hai parenti-amici che hanno terra, è molto importante che partecipino. Tramite i canali ufficiali facciamo veramente molta fatica a far girare la notizia, e sicuramente un sacco di gente non lo verrà mai a sapere.

    Grazie mille, anche per l'attenzione all'underscore
    ARM_

    RispondiElimina