lunedì 10 febbraio 2014

Valeren Abroad: Baghdad /4 - La conclusione

Chiunque, specialmente una fastidiosa nazigrammar: " Esimio Dittatore, ma a quando il prosieguo dell'avventura a Baghdad? "
Carissimi pretoriani.
Se io ho dovuto aspettare tre ore per una fottutissima pita, voi potete attendere ben oltre!
[ In realtà ho avuto altre cose in ballo, di cui darò notizia, e non solo le resurrezioni a catena di Leeroy AMkins "

Da dove riprendere? Perché sono passati mesi...
Via che si riassume!

- HN e HN_R non sono arrivati in orario una volta.
Non. Una.
Sempre un casino qui, un check point là, traffico sulla KalehmBulek o sarquarzo dove.
Visto che io odio i ritardi, potete ben immaginare il mio umore - del tipo che mi hanno sentito parlare la prima volta quando ho ordinato il pranzo, per dire.
Dal terzo giorno abbiamo cominciato ad andare in giro per i fatti nostri e amen.

-  Sei tu la mia moschea?
Questa è difficile anche da concepire, figurarsi da spiegare o riassumere...
HN e HN_R si devono sposare.
Gioia, gaudio e cose così.
Ovviamente si devono sposare con rito religioso [ che io dico, hai mai visto una divinità qualsiasi scendere almeno per il taglio della torta? Se non passa neanche per gli antipasti mi sembra chiaro che non esista. E' facile ]
Il problema è che il mullah pretende di avere prova che prima abbiano compiuto le altre tappe della pagliacciata.
Fin qui nessun problema, in quanto le moschee tengono traccia - cartacea, che lo scrivo a fare - di tutte queste boiate.
Ma HN è speciale e no, lui ha i certificati dal punto 2 in poi ma non ha quello numero uno, che nelle altre fasi può essere sottinteso ma per il matrimonio deve essere mostrato.
Siamo nel 2013, ma di botto mi trovo sparato indietro di mille anni.
Parte una serie di telefonate che dura giorni senza trovare una soluzione!
Nessuno sa dove sia quel certificato, nessuno sa in quale moschea sia stato registrato perché è stato fatto tutto di nascosto dalla nonna fervente bigotta mentre il padre comunista mangiabambini non ne voleva sapere.
Quindi forse era la moschea AlQuellalì ma è stata distrutta da un terremoto, se invece era al AlQuellalà dove pregava la vecchia bacucca niente da fare che l'hanno chiusa e trasferito i documenti alla AlNoiNo che negano tutto anche l'olocausto.
HN ha contattato ogni singolo parente in vita e credo anche non, ma nessuno si ricordava di eventi di quarant'anni prima a cui non era stato invitato.
La soluzione finale, presa X giorni dopo, è stata quella di rifare la tappa 1 - e se io fossi un dio mi incazzerei a morte.
HN: " Er... Dio_V? Sarei qui per la tappa 1 del cammino dei rincoglioniti "
Dio_V: " Ma certo figl... Aspé. Ma non ti ho già visto un quarant'anni fa? "
HN: " Si, Dio_V, ma non trovano il documento dove è registrata la data "
Dio_V: " Esticazzi. Io lo so, tu lo sai, l'uscita è in fondo a destra "
HN: " Ma il mullah non mi fa sposare se non lo rifacciamo! "
Dio_V: " Che è, il remake? Sparisci tu e il pedofilo "
HN: " Però io "
Poi boh, il remake di Sodoma & Gomorra ci starebbe bene.

- Il caffé più buono del mondo
Contattatemi privatamente per sapere quale torrefazione evitare come la peste.
Un mix di fango tostato diluito nel piscio, e tutti a fare " Mmmmh che bontà "
Se avete le papille gustative marce è un problema vostro.
Seguite pure la moda o le dicerie ma non coinvolgetemi, thanks.

- The long way home
Italo, tu quoque?
Non vi maledico perché il resto dei passeggeri ha fatto ben più di me, quindi dovreste essere caduti dalle scale due volte al giorno per due mesi buoni.


22 commenti:

  1. Riprovo a postare il mio precedente commento che a quanto pare si è disperso nel cyberspazio :(
    Non che fosse un commento fondamentale e imprescindibile, eh. Però dispiace lo stesso.

    Ho lavorato a Baghdad provincia per qualche anno, ed essendo fissata per la puntualità (oltre che nazigrammar) come e più di te, ho sofferto. Poi ho imparato a regolare l'orologio sul fuso locale (ma ammetto che sono facilitata, anche dalle mie parti gli orari degli appuntamenti sono considerati "indicativi").
    Comunque sulla KalehmBuleh c'è sempre traffico.

    Mi pare però strano che il mullah di turno non abbia trovato un escamotage più creativo per recuperare tappa 1. Figurati che il nostro bramino (siamo più a est) ci ha anche evitato il corso prematrimoniale!
    Essendo fresca di procedura, tra l'altro, a me risulta che tappa 1 sia riportata nel certificato di tappa 3, ma evidentemente a Baghdad la situazione è un po' più caotica che qui.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il ritardo, non lo concepisco.
      E non comprendo la logica alla base per la quale, stabilita un'ora X, sia ammissibile - anzi, normale - arrivare con un ritardo ad minchiam.
      Abbiamo passato millenni cercando il modo migliore per scandire il tempo e per condividere l'informazione, poi la tradizione manda tutto a farsi fottere?
      No.
      Davvero. No.
      Arriva all'ora che vuoi, io sarò da un'altra parte.
      Trovami. Sarò con Waldo e Carmen San Diego.

      Elimina
  2. Madonna, circa mille mesi per la conclusione :p
    Ma alla fine, tappa1 o meno, si sono sposati, no?
    Com'era il pranzo?
    Hai ballato la danza del ventre? :p
    Le odalische c'erano?

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si devono ancora sposare.
      Sempre se ci sarà la cerimonia, visto che il mullah è indagato da polizia / curia / altro.

      Elimina
  3. Ah oddio! Oddio!
    La storia me la ricordavo e, anche raccontata a voce, non ce n'è: una cosa del genere fa ridere i polli.
    Guarda io piuttosto mandavo tutto a ramengo.
    Anzi, io proprio non avrei mai scelto un rito religioso in primis.

    Riguardo il viaggio di ritorno ho letto qualche aggiornamento su twitter.
    Dicono di Trenitalia ma a quanto pare non sono da meno, forse la consolazione è che quantomeno i biglietti sono più economici. Vi hanno rimborsato? Io sarei andata a chiedere anche i danni biologici dovuti all'eccesso di bile prodotta >_>


    PS: come sta Leeroy? :D :D :D [vi informo che ho chiesto una settimana di ferie in concomitanza con l'uscita di RoS]

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si parla di fede.
      Non di intelligenza.
      Non di logica.
      Non di buon senso.
      Non di ovvietà.
      Si parla di superstizioni che durano fino a quando non ne viene di moda un'altra.

      Noi abbiamo passato il 60, siamo a inferno, se stasera ci siete possiamo fare il farm delle chiavi.

      Elimina
  4. Porca troia. Rifare la tappa 1. Ma te 'stai fuori.

    Che poi scusami, tappa 2 e 3 non necessitano della tappa 1 pure quelle? O te le abbonano se sei simpatico?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho messo un apostrofo a caz de can. Chiedo perdono. Ma te stai fuori senza niente.

      Elimina
    2. Come ho scritto e mi hanno spiegato [ io non sono pratico ], dalla tappa 2 in poi sottintendono tutte l'avvenuta esecuzione delle precedenti.
      Matrimonio ovviamente escluso perché potrebbe non capitare.
      Per il matrimonio, e SOLO per quello, richiedono espressamente la copia della tappa 1.
      Ed è sola pura burocrazia.

      Ateismo sempre e comunque.

      Elimina
  5. Potrebbe essere colpa di NTV, ma potrebbe anche essere colpa di RFI: occhio a distribuire con il giusto criterio le maledizioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Colpa del treno che si è guastato dopo neanche 30 minuti da Baghdad.
      Farci tornare indietro sarebbe stata la cosa più sensata, ma evidentemente devono aver assunto qualche manager dalla concorrenza.

      Elimina
    2. Ok, allora è di NTV l'indirizzo per le maledizioni.
      A occhio e croce eravate a metà strada tra Baghdad e Ba'quba... come avrebbero fatto a farvi tornare indietro, se il treno era guasto?
      Probabilmente avrebbero potuto rimorchiarlo alla stazione più vicina, ma se questa aveva i marciapiedi a 25 cm anziché 55 cm, una legge impone che non possa effettuare servizio viaggiatori, a causa dell'elevato dislivello tra gradini e marciapiedi (e l'ETR500 ha lo stesso problema).

      Elimina
    3. Il treno era sì guasto, ma ha continuato a procedere a 30 Km/h fino alla Mecca.
      Quindi se poteva andare in avanti, poteva andare indietro. Stazioni dove fare il cambio di direzione ne abbiamo incrociate.
      Lì abbiamo dovuto attendere solo una decina di minuti perchè il treno arrivasse, malgrado il ripetuto messaggio di " troverete il treno ad aspettarvi al binario di fronte " ripetuto svariate volte.

      Elimina
  6. certo che ne hai di tempo libero...

    RispondiElimina
  7. Ehi, che fine abbiamo fatto?

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Torno a ripetermi... sei vivo?^^

      Moz-

      Elimina
  8. Caro dittatore,
    anno nuovo storie nuove o dobbiamo arrenderci all'evidenza?

    RispondiElimina
  9. salga sul blog cazzo!

    RispondiElimina
  10. A ottobre 2015, non possiamo fare altro che decretare la morte dell'ennesimo blog. Almeno l'avesse annunciato, avesse detto "Mi sono rotto i gingilletti di scrivere su un blog, la gente non se li fila più e preferisce Fessobukko, bla bla bla"; ma invece se n'è andato senza dire un bel nulla.

    RispondiElimina
  11. È ora di intonare il De Profundis per l'ennesimo blog che muore senza un perché.

    RispondiElimina