giovedì 5 gennaio 2012

Il traslocatore /3

Sempre casa di mia zia: rimangono altre stanze.
Al bagno nemmeno mi avvicino.
Sento però P e M discutere in cucina.
In breve: mio padre voleva lavare le posate ed i piatti.
Si, stoviglie di 20 anni.
Si, nella stanza affianco c'erano svariati servizi di entrambi ancora nuovi e sigillati.

Posso prestare attenzione a loro due o agli acari.
Scelta facile.
Mi sposto in sala e trovo anche lì svariate cose.
In particolare scatoloni quasi recenti e mobili di 50 anni fa.
Giunge P.

V: " Facciamola semplice. Mi indichi cosa buttare e cosa tenere "
P: " Teniamo tutto "
V: " Risposta dannatamente errata "
Guardo i mobili
V: " Tutto il mobile con le ante, la TV ed il resto non lo smuoviamo. Serve qualcuno "
P: " Tanto lo tengo "
V: " E' brutto, vecchio, rotto e credo di aver già detto brutto "
P: " E' antico "
V: " No. E' vecchio! Un Luigi XVI è antico, una Fiat Duna è vecchia! "
P: " Lo tengo "
V: " Straca$$i tuoi "
P: " Però il divano va buttato "
Guardo il divano
Onestamente, nulla di male nel volerlo gettare.
L'imbottitura era scomparsa da anni e da svariati mesi faceva da nido per piccioni.
Ma c'è un problema: è totalmente di metallo e dalle porte non passa -> quindi balcone, quindi gru.
V: " Vuoi lanciarlo da $piano > 10? "
P: " Lo smontiamo "
V: " Ha trent'anni, non li facevano per essere smontati. E' un blocco di tubi pieni saldati insieme! "
P: " Smerigliatrice e disco diamantato. Lo tagliamo a pezzi "
V: " Tu hai le rane nel cervello! Ma nemmeno ci penso! "

Lo lascio a sognare la distruzione in 20 metri quadri e mi occupo dell'immenso mobile.
Pieno di ante e cassetti.
Prima coppia di ante: cazzatine, bicchieri, soprammobili... Stanno benissimo dove sono.
Seconda coppia: raccoglitori.
Dentro ci sono le dichiarazioni dei redditi dal pleistocene.
V: " M, il sacco della carta da riciclare "
P: " No no, tienile! "
V: " Passati i dieci anni finiscono di esistere. Qui ce ne sono trenta "
P: " E se la Finanza fa un controllo? O l'INPS? "
Siamo in italia [ minuscolo ]. Lei è deceduta. La legge parla di dieci anni. L'INPS non controlla i non vedenti con patente e la Finanza che cosa vorrebbe da un'ex impiegata?
V: " Porta il sacco "
P: " Assolutamente NO! "
V: " Ri-ca$$i tuoi. Quando vorrai disfartene sarai da solo. "

Con la rabbia oltre il livello di guardia apro un cassetto.
Vengo travolto da un'esplosione di bloc notes.
Davvero: sono venuti fuori dal cassetto tanto erano stipati.
Ma porca... E questi? Apro. Sfoglio. Leggo.
Non ci credo.
Ne prendo un altro a caso. Apro. Sfoglio. Leggo. Allibisco.
Rebus, parole crociate, enigmistica varia... Tutta sui notes invece che sulla rivista.
Forse non è chiaro, ma parlo di decine di notes.
V: " P, non è quello che credo che sia. Vero? "
P: " Enigmistica. La faceva così per non rovinare la rivista "

Peccato che io abbia ribaltato la casa e c'era tutto, anche il Graal.
Ma non una sola rivista di enigmistica.

15 commenti:

  1. ImpiegataSclerata5 gennaio 2012 10:40

    Magari usava le enigmistiche come carta igienica e non ci scriveva sopra per non tatuarsi il posteriore con l'inchiostro?

    RispondiElimina
  2. Uhhh... e questo è un bel mistero sì!

    P.S.Certo che però la tua defunta zia era un Personaggio con la P maiuscola altrochè!

    RispondiElimina
  3. @ ImpiegataSclerata
    Non ho visionato il bagno, quindi potrebbe anche essere.
    Ormai non mi avrebbe sorpreso.

    @ Laila
    Ma anche con tre P!
    Mi preoccupa la genetica... Non voglio diventare così!

    RispondiElimina
  4. Forse creava i giochi e poi li spediva a Domenica quiz... Che personaggio, comunque

    RispondiElimina
  5. Magari non traspare dai racconti, ma mia zia aveva la fantasia di un alce impagliato.

    E nella vita era noiosa come un comizio politico.

    RispondiElimina
  6. Se non altro, qualcosa hai trovato di utilizzabile (parlando delle puntate precedenti)... io mi sono trovata in una situazione simile anni fa, e negli scatoloni e nei sacchi c'era solo spazzatura! Alla fine all'isola ecologica hanno cominciato a guardarci molto male...

    RispondiElimina
  7. Io mi stavo domandando come faceva a farci stare tutte queste sue interessanti occupazioni durante l'arco della giornata xD

    RispondiElimina
  8. Mia nonna fa la stessa cosa, più che altro perchè il giorno dopo averne fatto uno già non si ricorda più le soluzioni.
    "Così risparmio soldi".
    L'Alzheimer ai tempi della crisi.

    RispondiElimina
  9. @ Fiona
    Aspetta la prossima puntata, allora, che torniamo in pari :D

    @ Mika Ela
    Ormai era una pensionata gattara.
    Di tempo ne aveva a perdere.

    Oddio: non che da segretaria facesse molto.
    Mi ricordo che era contenta solo quando poteva usare la fotocopiatrice.
    Le portai i manuali di D&D ( rosso, blu, nero ) e me li fece trovare fotocopiati fronte e retro, rilegati e graffettati. Era al settimo cielo.

    RispondiElimina
  10. @ Julia
    [ Non ti ho ignorata: stavo rispondendo e non ho visto il tuo messaggio ]

    Almeno tua nonna la settimana enigmistica ce l'ha davvero :)
    Secondo me, mia zia ormai se la immaginava.
    Non ho voluto analizzare a fondo le soluzioni che aveva scritto per timore.

    RispondiElimina
  11. Fantastico, ne uscirebbe un inquietante racconto...

    RispondiElimina
  12. Se le faceva prestare e poi le restituiva? Oo

    RispondiElimina
  13. > Peccato che io abbia ribaltato la casa e c'era tutto, anche il Graal.

    Ah, ecco dove l'avevo lasciato... :)

    > Ma non una sola rivista di enigmistica.

    Non ne aveva bisogno, usando i notes... niente niente andava alle edicole a copiarsi le definizioni dalle riviste esposte? (sai, stile Paperon de Paperoni quando deve leggere il giornale...) ;)

    RispondiElimina
  14. Sigh! Tuo padre mi ricorda il mio: buttare qualcosa? Solo perché è rotto e inutile (notare la congiunzione)? Sia mai!

    RispondiElimina
  15. @ Kidpix
    Perché, io cosa sto pubblicando a puntate? ;)

    @ Arounderground
    Non penso - aveva contatti umani prossimi allo zero.
    Quindi o gliele passavano i felini, o non ho altre idee.

    @ MK66
    Ringraziami: rischiavi di ribaltare la Slovenia per ritrovarlo, altrimenti!

    @ Lufo
    Abbiamo tutti questa caratteristica, però certe persone la portano all'eccesso.
    Casa di mio padre = robivecchi
    Casa di molti miei parenti = robivecchi
    Un mio zio di qualche grado faceva il robivecchi.

    Io sto cercando un esame del DNA che chiarisca se è genetico.
    Nel caso ti tengo informato - mi sembra che anche tu sia un soggetto a rischio!

    RispondiElimina